Contest #pizzaUnesco: verso la finalissima a Napoli

  • Condividi questo articolo

Pizze da tutti i continenti per sostenere la candidatura Unesco dell’arte del pizzaiolo partenopeo come Patrimonio Immateriale dell’Umanità

18 settembre 2017 | di | Enogastronomia

370 pizze. 230 pizzaioli. 24 Paesi diversi: sono solo alcuni dei numeri da record del contest #pizzaUnesco. Una gara avvincente, nata con l’obiettivo di sostenere la candidatura dell’arte del pizzaiolo napoletano come Patrimonio Immateriale dell’Umanità presso l’Unesco. E mentre si attende la valutazione, che si terrà a dicembre a Seul, la seconda edizione del contest continua. Si è da poco chiusa la prima fase, con la registrazione sul web di ben 373 pizze (quasi il triplo rispetto allo scorso anno!).

«Abbiamo avuto una partecipazione oltre ogni aspettativa – ha commentato Francesca Marino, ideatrice dell’iniziativa – e siamo molto contenti perché i pizzaioli di tutto il mondo e di tutte le età hanno capito l’importanza di partecipare. Voglio anche segnalare – ha poi sottolineato – un altro aspetto non secondario in un mestiere da secoli considerato solo maschile. Hanno infatti partecipato 28 pizzaiole ed è stato questo sicuramente un segnale importante e qualificante che rende questa competizione sul web unica».

Ora ci si appresta ad entrare nel vivo della gara: una giuria di altissimo profilo, composta da Enzo Vizzari (presidente di giuria), Allan Bay, Fiammetta Fadda, Giorgio Calabrese, Scott Wiener, Eleonora Cozzella e Tommaso Esposito, dovrà infatti selezionare le 10 migliori creazioni che avranno accesso alla fase finale del contest, il live del 14 novembre in cui si decreterà il vincitore della seconda edizione.
La finalissima si terrà, naturalmente, a Napoli, nello splendido chiostro del Cinquecento di Palazzo Caracciolo MGallery di Sofitel. Durante la serata saranno svelate anche le menzioni speciali attribuite dai partner di Mysocialrecipe, sito promotore dell’intero evento.

 

Valentina Ferraro

Foto © mysocialrecipe.com

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *