Corte di giustizia e Tribunale dell’Unione europea: nuovi membri

  • Condividi questo articolo

Per l’Italia è giudice del Tribunale Ue Ezio Perillo. Rieletto presidente per il quarto mandato Marc Jaeger, cambia il vice con la nomina di Marc van der Woude

20 settembre 2016 | di | Europa - Eventi

Nel quadro del rinnovo parziale del Tribunale e della riforma della struttura giurisdizionale della Corte di giustizia dell’Unione europea, in seguito alla cerimonia di giuramento svoltasi ieri a Lussemburgo, sono entrati in funzione i nuovi rappresentanti dei governi degli Stati membri.

CGEL’udienza solenne della Corte di giustizia si è tenuta in occasione della prestazione del giuramento del nuovo avvocato generale, il bulgaro Evgeni Tanchev, e dei nuovi giudici chiamati ad assumere le loro funzioni ed è visibile sul sito http://c.connectedviews.com/cdj

Per l’Italia il nuovo giudice del Tribunale dell’Unione europea fino al 31 agosto 2019 è Ezio Perillo. Nato nel 1950, avvocato iscritto al foro di Padova, oltre a diverse esperienze come docente universitario, fin dal 1982 Perillo ha prestato servizio presso le istituzioni europee, prima alla Corte e poi al Parlamento. Nell’ottobre 2011 è stato nominato giudice del Tribunale della funzione pubblica dell’Ue, incarico che ha lasciato in anticipo rispetto alla scadenza del 2017 per assumere quello assunto oggi.

CGEGiudici nominati presso il Tribunale che rimarranno come Perillo fino al 2019 sono Jan Passer e Alexander Kornezov, mentre gli altri rimarranno in carica fino al 31 agosto 2022. Si tratta dei nuovi giudici Ricardo da Silva Passos, Paul Nihoul, Barna Berke, Ulf Christophe Öberg, Octavia Spineanu-Matei, Krystyna Kowalik-Bańczyk, René Barents, Jesper Svenningsen, Maria José Costeira, e dei rinnovati Marc Jaeger, Heikki Kanninen, Savvas Papasavvas, Sten Frimodt Nielsen, Marc van der Woude, Dimitrios Gratsias, Juraj Schwarcz, Viktor Kreuschitz e Lauri Madise.

In seguito al rinnovo parziale dei membri del Tribunale dell’Unione europea è stato rieletto presidente, per il quarto mandato, il giudice Marc Jaeger. Mantiene perciò la carica per cui è stato nominato dal 17 settembre 2007 e rimarrà, come i suoi pari, fino il 31 agosto 2019. Eletto nuovo vicepresidente Marc van der Woude.

 

Manon De Clercq

Foto © Corte di Giustizia dell’Unione europea

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *