In Europa volano le vendite di auto: settembre a +7,3%

  • Condividi questo articolo

L’Italia e il gruppo Fca trascinano il boom di immatricolazioni che ha interessato quasi tutto il continente. E nel 2017 si potrebbe colmare il gap con il periodo pre crisi

27 ottobre 2016 | di | Motori

Anche nel mese di settembre il mercato europeo dell’auto ha chiuso in crescita rispetto allo stesso mese del 2015. I dati resi noti da Acea (l’Associazione dei costruttori europei) mostrano infatti un +7,3% nelle immatricolazioni, pari a poco meno di 1,5 milioni di nuove targhe auto in tutta la Ue più Norvegia, Svizzera e Islanda. Un dato che porta a +7,7% il dato complessivo nei primi 9 mesi del 2016 – con 11,6 milioni di nuove unità – rispetto allo stesso periodo del 2015, quando furono 830mila in meno.

A tirare la crescita c’è soprattutto l’Italia, che a settembre è stato il mercato più dinamico visto che le vendite sono aumentate del +17,4% rispetto a un anno fa. A seguire, Spagna e Germania, Paesi in cui le immatricolazioni hanno registrato un +13,9% e un +9,4%.

(DPA) ESODO ESTIVOI dati dei primi 9 mesi dell’anno in corso mostrano che dovrebbe essere confermato il dato previsionale del Centro Studi Promotor (struttura di ricerca specializzata nel mondo dell’automotive), che aveva stimato che in Europa il 2016 si sarebbe chiuso con 14,8 milioni di auto nuove vendute pari a circa 700mila in meno rispetto a quelle annualmente vendute nel periodo pre crisi del decennio scorso. Tale gap dovrebbe essere colmato alla fine del 2017, sempre che tali tassi di crescita siano confermati anche nel prossimo anno.

Più contenuti i risultati del Regno Unito, che a settembre registra un +1,6% in settembre e +2,6% nel periodo gennaio-settembre confermandosi il secondo mercato continentale dopo quello tedesco e prima di quello francese che nei primi 9 mesi è aumentato del 5,7%. Al quarto posto e in recupero c’è l’Italia, che 10 anni fa era subito dietro alla Germania.

mercato-auto-europa-3Per quanto riguarda le marche, solo Nissan (-2%) e Mitsubishi (-9,8%) hanno visto un calo di immatricolazioni europee nei primi tre quarti del 2016, periodo in cui il gruppo Fca è quello che è cresciuto di più con 15,3% e rinsaldando la settima posizione complessiva tra le case operanti in Europa, che vedono il gruppo Volkswagen sempre in testa numericamente parlando con oltre 2,7 milioni di nuove auto davanti a Psa e a Renault. Da notare l’exploit di Alfa Romeo, che grazie alla nuova Giulia (appena votata auto Europa 2017 da una giuria di 100 giornalisti italiani) a settembre è salita del 39%.

 

Andrea Barbieri Carones

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *