Lourdes, non solo pellegrinaggi

  • Condividi questo articolo

Presentata a Roma la cittadina del miracolo e la regione con nuovi voli e e un’offerta rinnovata. La regione Occitania/Pirenei Mediterraneo è la seconda più vasta della Francia

20 febbraio 2017 | di | Religione - Viaggi

È venuto il momento di promuovere con più forza Lourdes e dintorni come nuova destinazione turistica, quasi ad integrare il turismo religioso, il motore dell’economia della cittadina del sud della Francia.

Lourdes è stata sinora una destinazione conosciuta soltanto come mèta di incontro nella grotta, di preghiera, di ringraziamento alla Vergine che qui apparve l’11 febbraio 1858 alla contadina Bernadette Soubirous, che riferì di aver visto in una grotta ai bordi del Gave de Pau una signora in bianco presentatasi come l’Immacolata Concezione.

Ma la città, che conta quasi 15mila abitanti, è parte integrante e attiva nel tessuto economico sociale e turistico della regione Occitania/Pirenei-Mediterraneo, un territorio che ha consistenti numeri da mostrare: 4° posto della Francia con 14 miliardi di euro di consumi turistici, pari al 10% del PIl regionale. Prima regione francese per capacità ricettiva con oltre 3 milioni di posti letto, 24 milioni di pernottamenti in strutture ricettive all’aria aperta, 15,7 milioni di pernottamenti in albergo. È la prima regione per affluenza turistica della Francia, 3° per quella straniera, 30 milioni i visitatori all’anno. E, non ultima, 1° destinazione termale in Francia.

Numeri rilevanti che non tutti conoscono. E proprio in virtù di questo “patrimonio” è stata promossa a Roma dall’Ente per il turismo della Francia la Regione e la città di Lourdes in particolare per portare a conoscenza ciò che questa regione può offrire e Lourdes come nuova destinazione turistica.

«Presentare Lourdes vuol dire presentare uno dei più importanti centri di pellegrinaggio del mondo, un luogo intriso di spiritualità. Ma Lourdes e la sua regione, nel cuore dei Pirenei, non sono soltanto religiosità. Vogliamo invitarvi a scoprire anche l’altra faccia di Lourdes, quella di una natura intatta, dell’ecologia, dello sport, delle scoperte» ha esordito Fréderic Meyer, direttore di Atout France Italia-Grecia e coordinatore regionale Europa del Sud.

Lourdes è la 1° città per accoglienza alberghiera della Francia dopo Parigi con 156 Hotels, 8 residence di turismo, 12 camping e B&B.

E’ in pieno sviluppo l’aeroporto internazionale Tarbes Lourdes Pyrénées, dove nel 2015 sono atterrati quasi 400mila passeggeri. Situato ai piedi dei Pirenei a soli 10 chilometri da Lourdes. Il flusso di pellegrini dall’Italia nel 2016 è stato notevole con 240mila visitatori giunti con il treno e voli aerei.

Per raggiungere Lourdes, Ryanair con due voli settimanali da Roma-Fiumicino dal 26 marzo 2017 e la compagnia aerea Albastar sempre con due voli a settimana dall’aeroporto di Roma-Ciampino dall’11 maggio.

 

Enzo Di Giacomo

Foto © Enzo Di Giacomo

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *