Montpellier, una delle città più giovanili e vivaci della Francia

  • Condividi questo articolo

Centro ricco di charme con uno straordinario patrimonio architettonico e culturale. A soli 7 km dal mare, circondata da 7 siti naturali del Patrimonio mondiale dell’Unesco

11 settembre 2017 | di | Viaggi

Montpellier, a metà strada tra Italia e Spagna, grazie all’alto tasso di popolazione di età inferiore ai 25 anni è da considerasi una delle città più giovanili e vivaci della Francia. Di sera, infatti, si accende soprattutto grazie alle feste organizzate dagli studenti universitari. In città è facilmente percepibile l’influsso spagnolo, sia in spettacoli come la corrida, sia in ambito culinario, basti pensare alla paella.

É la capitale della regione Linguadoca-Rossiglione, e il periodo migliore per visitarla è senza dubbio la stagione estiva, grazie al clima mite che assicura delle calde e piacevoli giornate. Anche nel mese di settembre.

Montpellier ha, poi, dimensioni ideali: le distanze sono gestibili e i servizi sono eccellenti. É una cittadina, grande, elegante e viva, piena di giovani e di locali, una meta ideale per trascorrere un weekend all’insegna del divertimento ma è anche nota per la sua università così prestigiosa, ospitata in palazzi storici. In particolare la facoltà di medicina occupa il palazzo vescovile dalla fine del XVIII secolo. Di questo palazzo si conservano lo scalone, stucchi e camini dello stesso periodo.

A soli sette chilometri dal mare e circondata da sette siti naturali fra i più prestigiosi del Patrimonio mondiale dell’Unesco, Montpellier è considerata da molti la città del futuro.

Tra gli edifici storici che meritano di essere visitati, figurano:

  • La Cattedrale di San Pietro, la più importante Chiesa cittadina nonché sede vescovile della diocesi di Montpellier. L’edificio, costruito intorno al XIII secolo e demolito a fine Cinquecento durante gli scontri tra cattolici e protestanti, è stato riedificato richiamando quasi completamente lo stile gotico originario;
  • L’Arc de Triomphe, edificato nel 1691 in onore di Luigi XIV, rappresenta uno dei monumenti fondanti della città. É possibile visitarlo all’interno e raggiungere, grazie ad una ripida scalinata, la sommità, dalla quale è possibile ammirare uno splendido panorama.

Per gli amanti della natura, una tappa imperdibile è lo Jardin des Plantes, uno storico giardino botanico fondato nel 1953, sviluppato su una superficie di 45.000 metri quadrati e arricchito da numerose piante esotiche: una dolce evasione dalla frenetica vita cittadina.

L’atmosfera romantica di Montpellier, infine, si consuma davanti a un bicchiere di vino della regione della Languedoc, seduti in un bistrot o in una brasserie del centro città. Infatti le serate di Montpellier sono molto esclusive e raffinate e i posti più gettonati sono proprio nel cuore della città.

 

Francesca Sirignani

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *