Scelti i tre film per il premio europeo Lux 2017

  • Condividi questo articolo

Riconoscimento dell’Europarlamento per l’impegno del cinema comunitario in mostra. Il presidente Tajani ha annunciato chi rimane in competizione dalla rosa dei dieci selezionati

25 luglio 2017 | di | Cinema - Cultura - Europa

Questa mattina, durante la conferenza stampa di presentazione delle Giornate degli Autori, a Roma presso la “Casa del Cinema”, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha annunciato i tre film in competizione per il premio Lux 2017: Bpm (Beats per minute) 120 battements par minute, di Robin Campillo Francia; Sámi blood, di Amanda Kernell Svezia, Norvegia, Danimarca; Western, di Valeska Grisebach Germania, Bulgaria, Austria. Non ce l’ha invece fatta A ciambra di Jonas Carpignano – coproduzione Italia, Brasile, Stati Uniti, Francia, Germania, Svezia.

«Il premio Lux del Parlamento europeo non serve solo ad avvicinare il cinema ai cittadini, ma anche l’Europa agli europei», ha dichiarato il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. «Il Parlamento europeo attraverso questo premio ha sostenuto e continua a sostenere l’industria cinematografica in Europa, in un momento in cui la concorrenza, anche attraverso la forte presenza delle piattaforme on-line, si fa sempre più spietata».

«La nostra identità di europei» – ha aggiunto Tajani – «si compone di tradizioni e culture differenti, ma si basa anche su valori comuni: giustizia, libertà, tolleranza. Dalla sua creazione, il premio Lux ha coinvolto centinaia di registi, produttori e distributori cinematografici, che a loro volta hanno dato il loro contributo per il rafforzamento della nostra identità europea». L’ex presidente della Commissione cultura e istruzione del Pe, ora coordinatrice del gruppo S&D all’interno della stessa commissione, Silvia Costa, è intervenuta con un videomessaggio.

Il Lux Film Prize è giunto quest’anno alla sua 11ª edizione, mentre il partenariato delle Giornate degli Autori con il Parlamento europeo è giunto al nono anno. Da ottobre a dicembre, Bpm, Sámi blood e Western saranno il nucleo dei Lux Film Days 2017 e saranno proiettati in più di 50 città e molti festival nei 28 Paesi dell’Unione europea. I film saranno sottotitolati nelle 24 lingue ufficiali dell’Ue, dando agli spettatori l’opportunità di scoprire queste opere, comprendendone più profondamente le tematiche.  

I tre cortometraggi della competizione ufficiale di quest’anno confermano quanto il premio Lux voglia includere un’incredibile varietà di generi e argomenti: il terzo film di Robin Campillo, Bpm – 120 battements par minute, segue un gruppo di attivisti dell’associazione Act Up – Paris, determinati a dare maggiore visibilità alla piaga dell’Aids nella Francia del 1992 (la malattia uccide da oltre 10 anni) e a lottare per il progresso nei campi della prevenzione e della ricerca, e contro l’indifferenza generale.

   Western di Valeska Grisebach

Il debutto alla regia di Amanda Kernell, Sámi Blood, ci riporta negli anni ’30 del ‘900. È la vibrante storia di una giovane ragazza lappone che, sognando una vita diversa e con coraggio, abbandona la sua comunità di origine per trovare il suo posto nella società svedese, dove sarà vittima di razzismo e incomprensione. Il terzo film di Valeska Grisebach, Western, è la storia di operai tedeschi impiegati nella costruzione di una centrale idroelettrica in Bulgaria. La regista usa lo schema del western classico per parlare di immigrazione economica e integrazione.

Il film vincitore votato dai 751 membri del Parlamento europeo, oltre ad essere sottotitolato nelle 24 lingue ufficiali dell’Ue sarà adattato per il pubblico ipoudente e ipovedente, e sostenuto nella promozione durante le uscite internazionali. Il 15 novembre 2017 il vincitore del premio Lux sarà annunciato nel corso della seduta solenne del Parlamento europeo a Strasburgo, alla presenza dei registi finalisti.

Inoltre quest’anno il progetto “28 Volte Cinema”, altro risultato del fecondo partenariato tra il Premio Lux del Parlamento europeo e i Venice Days, giunge alla sua VIII edizione. Grazie alla collaborazione con Europa Cinemas e Cineuropa, 28 giovani appassionati di cinema di età compresa tra i 18 e 26 anni saranno la giuria delle Giornate degli Autori. I ragazzi saranno immersi nell’esperienza del premio Lux, assistendo alle proiezioni e discutendo dei 3 film della competizione ufficiale. Questo li preparerà al ruolo di “ambasciatori” del premio Lux in Europa e potranno promuovere nei rispettivi Paesi la VI edizione dei Lux Film Days, le Giornate del Cinema europeo.

Fra i vincitori delle precedenti edizioni del premio Lux troviamo Toni Erdmann di Maren AdeMustang di Deniz Gamze Ergüven (2015), Ida di Pawel Pawlikowski (2014), The Broken Circle Breakdown di Felix van Groeningen (2013), Io sono Li di Andrea Segre (2012), Les Neiges du Kilimandjaro di Robert Guédiguian (2011), Die Fremde di Feo Aladag (2010), Welcome di Philippe Lioret (2009), Le silence de Lorna di Jean-Pierre e Luc Dardenne (2008) e Auf der anderen Seite di Fatih Akin (2007).

Ecco invece l’elenco dei 10 film selezionati, tra cui i 3 in competizione, resi noti al Festival cinematografico internazionale di Karlovy Vary lo scorso 2 luglio. L’elenco è in rigoroso ordine alfabetico: A ciambra di Jonas Carpignano – coproduzione Italia, Brasile, Stati Uniti, Francia, Germania, Svezia; Bpm (Beats per minute) 120 battements par minute, di Robin Campillo Francia; Glory” di Kristina Grozeva e Petar Valchanov Bulgaria, Grecia; Heartstone” di Guðmundur Arnar Guðmundsson Islanda, Danimarca; King of the Belgians” di Peter Brosens e Jessica Woodworth Belgio, Paesi Bassi, Bulgaria; Sámi blood, di Amanda Kernell Svezia, Norvegia, Danimarca; Summer 1993, di Carla Simón SpagnaThe last family, di Jan P Matuszyński Polonia; The other side oh Hope, di Aki Kaurismäki Finlandia, Germania; Western, di Valeska Grisebach Germania, Bulgaria, Austria.

Ayla Şahin

Foto © Lux Film Prize

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *