Tivoli, grande stagione culturale estiva

  • Condividi questo articolo

Un mese di spettacoli in un luogo magico, dove l’imperatore Adriano fece costruire la Villa. «Vorremmo trasformare Tivoli in una vera e propria fabbrica di cultura per gli artisti»

23 giugno 2017 | di | Cultura - Eventi

A Tivoli, dove l’imperatore Adriano fece costruire una delle più belle dimore dell’antichità, sta per cominciare una grande stagione culturale: “Tivoli Chiama! Il Festival delle Arti” dal 30 giugno al 29 luglio.

Una rassegna culturale che promuove e valorizza il patrimonio storico, artistico e paesaggistico. Il Festival delle Arti si arricchisce di nuovi interpreti, di nuovi artisti dello spettacolo ma, soprattutto, è l’espressione di una qualità ricercata in un luogo magico. Gli spettacoli si inseriscono in spazi in cui il paesaggio, tradizione e arte si fondono.

Teatro, danza e musica nei suggestivi siti archeologici di Villa d’Este, Santuario di Ercole Vincitore, Villa Adriana, proseguendo il percorso di collaborazione tra il comune di Tivoli e il ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.

Urbano Barberini

Il Festival è realizzato e finanziato dal comune di Tivoli con il contributo della Siae e in collaborazione con il Mibact. L’organizzazione e la produzione esecutiva sono affidati all’Associazione comuni teatrali del Lazio, di cui l’amministrazione di Tivoli è socio e cofondatore, consolidando una sinergia che ha portato sul territorio tiburtino tante iniziative culturali.

Una manifestazione che sta crescendo, fortemente voluta dal sindaco, Giuseppe Proietti, e dall’assessore alle Cultura, Urbano Barberini, il “motore” del Festival.

Chi può vantare un palcoscenico come quello di Tivoli? «Nessun altro festival al mondo può vantare dei palcoscenici così straordinariamente diversi» – ha precisato Barberini – «la finalità ultima è quella di creare un sistema integrato che favorisca una sinergia tra le attività culturali, turistiche e imprenditoriali e i beni culturali, al fine di promuovere uno sviluppo sostenibile, in armonia con la vocazione propria del territorio tiburtino, trasformando Tivoli in una vera e propria “Fabbrica di Cultura” per gli artisti».

Il vulcanico assessore, erede di una delle più antiche casate nobili romane e artista egli stesso, si muove in simbiosi con il sindaco, che sta dedicando energie e risorse per riposizionare Tivoli a livello nazionale – e perché no? – a livello internazionale.

Giuseppe Proietti

«La bellezza alla quale tutti dovremmo ispirarci in questo Paese è una risorsa che tende all’infinito» – sottolinea a Eurocomunicazione il sindaco – «dobbiamo far sì che anche gli altri possano arricchirsi, guardando alla nostra bellezza così come può essere valorizzata da eventi che la esaltano. Questa amministrazione ha fatto della Cultura e della valorizzazione della cultura un obiettivo assolutamente prioritario» ha concluso Giuseppe Proietti.

Il cartellone si presenta ricco di appuntamenti con grandi nomi della cultura e dello spettacolo. Il 30 giugno l’apertura sarà affidata al Video Mapping della Visual Artist Alessandra Franco sulla Rocca Pia “De Siderum” sul tema “Europa” per proseguire alle 21.30 con il concerto dell’Orchestraccia all’Anfiteatro di Bleso. Il Festival proseguirà con uno spettacolo di musica e poesia di Michele Placido il 2 luglio a Villa Adriana dal titolo “Suite per Voce Solista” accompagnato dalla musica di Marco Zurzolo Quartet. L’8 luglio Giovanni Allevi in concerto al Santuario di Ercole Vincitore. Sempre al Santuario di Ercole Vincitore il 14 luglio Teresa De Sio canta Pino Daniele e il 27 luglio Sabina Guzzanti porterà in scena il suo spettacolo “Come ne venimmo fuori”. La chiusura del Festival il 29 luglio è affidata allo spettacolo di danza acrobatica “Meraviglia” dei Sonics che si terrà in Piazza Garibaldi, concludendo la kermesse con una grande festa di piazza.

A Villa d’Este, proseguendo il percorso avviato dalla felice iniziativa “Tivoli Incontra”, nelle Terrazza della Pallacorda il 6 luglio Barbara Alberti presenterà il nuovo romanzo di Fiamma Satta “IO E LEI. Confessioni della Sclerosi Multipla” con letture di una di Piera Degli Esposti. Il 15 luglio lo scrittore Edoardo Albinati (Premio Strega 2016) presenterà il suo nuovo libro “Un Adulterio” accompagnato da Francesca d’Aloja nella lettura del testo.

Per il programma completo www.tivolichiama.com

 

Enzo Di Giacomo

Foto © Enzo Di Giacomo

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *