“Comunicare da leader”, per rompere tabù su donne, potere e sesso

  • Condividi questo articolo

Nel libro di Capitanio e Di Cicco le tecniche più aggiornate per essere sempre più spigliati nella vita di tutti i giorni. Alla presentazione Giorgino, Gasparri, Carelli e Verini

18 Marzo 2018 | di | Libri

Saper convincere è un’arte di cui tutti vorrebbero conoscere i segreti, soprattutto in epoca di social network, ed è proprio questo il tema di “Comunicare da leader” (Edizioni Lswr), il libro di Maria Elena Capitanio e Andrea Di Cicco, appena uscito in libreria. In esso gli autori sintetizzano con chiarezza e semplicità le tecniche più aggiornate per migliorare la comunicazione personale, completando il tutto con interviste, testimonianze e punti di vista di protagonisti autorevoli, con citazioni e assaggi di argomenti scottanti. La guida ha come obiettivo principale quello di rompere diversi tabù, come quello che riguarda le donne, ma anche il potere e il sesso.

Tra i materiali esclusivi, l’intervista a Luigi Bisignani, controverso personaggio delle stanze dei bottoni; a Marco Del Torchio, giovane esperto di influenza sul web, e allo psichiatra Elio Sena, che ha dato la sua lettura del rapporto tra comunicazione e identità. A essi si aggiunge la serie di analisi di protagonisti del presente e del passato, buoni e cattivi, amati oppure odiati, ma sicuramente seguitissimi. Dal trio Fedez, Ferragni e Rovazzi alle Brigate Rosse e all’Isis, dal premier francese Emmanuel Macron a Silvio Berlusconi, dal confronto tra Clinton e Trump arrivando a Elisabetta II e Angela Merkel, senza dimenticare Fiorello e Checco Zalone, Bonolis e Francesco Totti, l’avvocato Agnelli e Andreotti.

«Il libro non è rivolto solo a chi voglia cimentarsi con la politica o sia già un politico navigato, ma è stato pensato per quanti desiderino puntare sulla leadership in qualsiasi settore: manager, capitani d’industria, piccoli imprenditori ricchi di ambizioni, ma anche donne stufe di accontentarsi di posti di lavoro mediocri o sottopagati e decise a ritagliarsi uno spazio migliore nel mondo», scrivono Capitanio e Di Cicco.

     Maria Elena Capitanio

Il volume è anche un vero e proprio manuale pratico a trecentosessanta gradi per la cura della dimensione psicofisica, per imparare a impostare la voce, per gestire la respirazione e sapersi porre durante un qualsiasi discorso pubblico: in ufficio, alla presenza del proprio superiore, a una cena di lavoro, in parlamento o al primo appuntamento.

Gli autori propongono suggerimenti e indicazioni utili per ciascuna situazione, per essere sempre più spigliati. «Saper parlare è ormai un asset imprescindibile non solo per i professionisti del mondo della comunicazione – ha spiegato a Eurocomunicazione Maria Elena Capitanio – ma anche per chi è a contatto con un pubblico più ristretto, come il farmacista, il medico o l’impiegato di banca nella filiale di un piccolo centro». Il libro sarà presentato a Roma il prossimo 26 marzo alle ore 18 all’Ara Pacis, con l’intervento di Francesco Giorgino, caporedattore centrale della redazione Interni del TG1, e dei parlamentari Maurizio Gasparri (Forza Italia), Emilio Carelli (M5S, già direttore di SkyTg24) e Walter Verini (PD).

 

Pierfrancesco Mailli

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *