Francia in Italia con un’ampia offerta turistica

  • Condividi questo articolo

Il 2018 è l’anno per valorizzare la ricchezza dell’offerta. L’Italia 5° bacino più importante. Solo a Parigi l’incremento dell’incoming dal Belpaese è stato del +7%

29 Gennaio 2018 | di | Enogastronomia - Viaggi

Dopo Milano, Roma. La Francia in missione in Italia per promuovere e ri-scoprire i tanti volti della sua offerta turistica attraverso il Savoir-Faire, in tutte le sue declinazioni: dall’artigianato all’arte, dalla moda alla gastronomia alla bellezza del territorio e delle sue città.

«Il 2018 sarà un grande anno per la destinazione Francia» – ha annunciato Frédéric Meyer, direttore Italia-Grecia e coordinatore regionale Europa del Sud dell’Ente del Turismo francese – «e il nostro impegno punterà a valorizzare tutta la ricchezza dell’offerta, con un focus particolare per quelle destinazioni che costituiscono “marchi” a livello internazionale, come Parigi e la Costa Azzurra, l’Alsazia, la Valle della Loira, l’Occitania».

Frédéric Meyer

Sono numerosi gli eventi che caratterizzano il 2018, a cominciare dalla ripresa dopo 10 anni del Grand Prix de France di Formula1, che si disputerà sul circuito di Le Castellet il 24 giugno. Ma la svolta, la virata è verso l’enoturismo in costante crescita con la festa del vino che si terrà a Bordeaux dal 14 al 18 giugno, uno dei più importanti appuntamenti enoturistici d’Europa. La Cité du vin è una tappa irrinunciabile durante la visita a Boardeaux: National Geographic la colloca al 7° posto tra i migliori musei del mondo.

Bordeaux si sta sempre più affermando come una destinazione turistica da non perdere in Europa, dove tra l’altro si trova il più vasto vigneto del mondo, e il 2018 sarà l’anno all’insegna della cultura e del vino. Alcuni dati che caratterizzano lo sviluppo della città: 5° destinazione francese più frequentata, 4,5 milioni i pernottamenti nel 2017, oltre 900mila i visitatori.

Bordeaux è in crescita per il turismo d’affari con i suoi 1.320 alloggi e 32mila posti letto, proponendo un’offerta diversificata.

Numerose le città grandi e piccole con un’offerta di qualità: Tolosa; Albi con l’Abbazia e un nuovo Museo: Montpellier con Picasso protagonista dell’esposizione in estate e la nuova stazione TGV; Marsiglia crocevia di culture che accoglierà la Coppa del Mondo di Rugby nel 2023 e le Olimpiadi di Vela nel 2024; Arles con un 2018 che si dispiega fra mostre ed eventi culturali; Avignone e, non ultima, la Corsica.

«Abbiamo chiuso il 2017 con il segno positivo. Solo a Parigi l’incremento dell’incoming dall’Italia è stato del +7% e in totale abbiamo registrato oltre 6,7 milioni di arrivi, confermandosi il 5° bacino più importante. Di rilievo poi i risultati social con 98mila fan su Facebook» ha concluso Frédéric Meyer.

La Francia consolida il primato di Paese più visitato al mondo con 83 milioni di turisti, seguita da Stati Uniti, Spagna, Cina, Italia che supera i 52 milioni di turisti.

 

Enzo Di Giacomo

Foto © Enzo Di Giacomo

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *