Generazione Futura, la scommessa dei giovani

  • Condividi questo articolo

Il contenuto del libro vuole valorizzare le intelligenze per rilanciare le nuove sfide del lavoro. C’è un drastico cambio di rotta nel paradigma del XXI secolo

17 Settembre 2016 | di | Cultura - Libri

La scommessa dei giovani per cambiare l’Italia non si può limitare al nostro Paese ma deve coinvolgere necessariamente anche tutta l’Europa. Non c’è soltanto il cambiamento di una nazione proiettata nel XXI secolo perché è in gioco l’avvenire degli Stati Uniti d’Europa. Dobbiamo credere a una cultura favorita dal Progetto Erasmus, che coinvolge i giovani studenti universitari di diversi atenei europei, se vogliamo la nuova generazione più preparata e perfettamente integrata nella società come nell’istruzione. Le sfide sono diverse per superare la crisi dell’occupazione che coinvolge anche i giovani europei. Quelli maggiormente colpiti sono i giovani italiani ma è necessario uno scatto in avanti per rilanciare lavoro, cultura e impresa. C’è un’interessante riflessione sulla condizione sociale dei giovani italiani contenuta nel libro Generazione Futura – Fiducia, Coraggio, Possibilità raccontati da dieci personaggi – Omnia One Group Editore, dove gli autori, Francesco Fravolini e Maria Cristina Picciolini, raccolgono dieci testimonianze di autorevoli personaggi della cultura, dell’imprenditoria, dell’informazione, della scuola, della società, della lirica; proprio in questi racconti sono contenute alcune indicazioni per risolvere il problema occupazionale. Certamente il volume non raccoglie ricette particolari o metodi miracolosi; vuole essere un momento di riflessione sulla situazione sociale dove i giovani pagano un prezzo troppo alto. È proprio la nuova generazione, troppo spesso abbandonata a se stessa, troppo spesso vittima inconsapevole di un sistema che premia soltanto quelli con una famiglia blasonata alle spalle, la grande ricchezza del Paese che deve essere adeguatamente valorizzata. Una nazione non può dimenticare i propri figli perché è una cattiva famiglia. L’Italia, come del resto anche negli altri Paesi, è una sorta di famiglia dove è importante gestire le risorse umane per dare alle nuove leve la giusta opportunità lavorativa.

img_20160908_122646_hdr«I giovani sono una risorsa culturale sacrificata dalla crisi economica, dai dissesti finanziari provocati da una cattiva politica italiana, dalla visione ancora assente del futuro della nazione; le grandi eccellenze rischiano di non essere giustamente valorizzate nelle loro sfaccettature. Porsi delle domande – scrive Francesco Fravolini nell’introduzione del libro – agevola a trovare quelle soluzioni adeguate che sono a portata di mano della nuova generazione. Per crescere e maturare nel mondo in cui viviamo servono creatività e innovazione. La società chiede di uscire dagli schemi tradizionali del XX secolo ed esige allontanamenti dalle realtà economiche per alimentare l’immaginazione e stimolare al confronto. Non è sempre negativo emigrare verso nuovi orizzonti perché vuol dire maturare con autentiche esperienze di vita, al fine di trovare originali stimoli alla personale intelligenza. Non sentirsi costretti ma adattarsi a questo cambiamento con uno sguardo diverso, significa apprezzarlo come un dono e una possibilità di credere alle proprie potenzialità. Sono aspetti importanti per favorire un approccio opportuno alle vicissitudini della vita. Puntiamo sull’innovazione digitale che stravolge le abitudini di vita e di lavoro ma consente, al tempo stesso, una maggiore facilità di conoscere. C’è una scrematura da fare con minuziosa attenzione ma è un mondo affascinante che apre a nuove possibilità, forse per molti ancora da conoscere».

C’è un’altra riflessione per capire lo spirito del contenuto del libro che vuole entrare nelle situazioni difficili dove la speranza deve essere costantemente accesa per valorizzare le opportunità per i giovani. La coautrice, artista conosciuta, vuole soffermare la sua analisi come genitore, fornendo la sua esperienza di vita avendo vissuto per circa 20 anni in Germania. È un paragone con altre civiltà che può aiutare a comprendere dinamiche italiane spesso contraddittorie e addirittura sconosciute.

«Come genitore, come artista e come persona – scrive Maria Cristina Piccolini nell’introduzione del libro – che è stata impegnata molti anni nella vita sociale e artistica nel Paese di adozione in cui ha vissuto, e in quello di origine in cui è tornata, non posso fare a meno di osservare le differenze socio-culturali che fanno ancora oggi della Germania e dell’Italia due realtà diverse da sempre. Due Paesi che continuano a dialogare sotto ogni punto di vista; l’evoluzione ha un altro significato, un’altra logica, un’altra onestà morale. In questo ritorno in Italia ho avuto di nuovo la possibilità, da Nord a Sud, di confrontarmi con la realtà di tutti i giorni, trovando una società ricca di talenti dove troppo spesso non trovano la propria strada oppure vengono ostacolati durante il cammino, da un Paese che non capisce cosa deve fare per crescere. Dove giovani di ogni età, spesso coscienti delle loro possibilità, sono privi di iniziativa e non trovano stimoli né dai genitori, né dalla scuola. Dove adulti senza lavoro cadono nella disperazione di fronte all’ennesimo rifiuto e, quelli con un lavoro, diventano agguerriti senza pietà di fronte a quello che potrebbe sfuggirgli di mano; senza pensare che l’amore per il proprio lavoro e il bene comune per un progetto, può portare solo a stimoli concreti e forse ad una certa “salvezza” in una società persa e confusa, dove mancano le possibilità di riflettere sulle potenzialità che abbiamo e che potremmo sfruttare: tutti si aspettano che qualcosa cambi e nessuno si muove concretamente».

 

Lorenzo Maria Severino

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *