Il gusto (mondiale) del Made in Italy

  • Condividi questo articolo

La nuova App sui Ristoranti italiani nel mondo presentata dal Gambero Rosso e dal Ministero delle Politiche agricole. La maggioranza si trova in Europa

31 Luglio 2014 | di | Enogastronomia - Mondo

É tutta dedicata ai “Ristoranti italiani nel mondo”, la nuova APP per iPhone e Ipad, in italiano e in inglese presentata ieri alla Città del gusto di Roma dal Gambero Rosso, in collaborazione con il Ministero Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Tutti da assaggiare i 365 ristoranti dai sapori rigorosamente tricolori di 40 Paesi, in maggioranza in Europa dove sono ben 128,selezionati tenendo conto del rispetto della nostra identità gastronomica, a partire dalla materia prima come olio extravergine di oliva, pasta, formaggi e salumi tipici. Non solo locali di alta cucina, ma anche trattorie e pizzerie per una vera e propria mappatura di quel che accade nel pianeta in una finestra aperta sulle espressioni più eloquenti e appunto, saporite, della nostra cultura gastronomica all’estero.
Alla presentazione in rappresentanza del Ministero c’era Raffaele Borriello, Capo della Segreteria Tecnica del Ministero, accanto a Riccardo Monti Presidente ICE. Un “assaggio” degli chef senza frontiere? Da Heinz Beck (presente in Europa con il suo ristorante nell’Algarve in Portogallo) ad Annie Feolde fino ad Alfonso Iaccarino.

«L’eccellenza dei prodotti del nostro Paese è nota in tutto il mondo– ha sottolineato il presidente di Gambero Rosso Paolo Cuccia-. Noi siamo sempre stati attenti alla ricerca e alla valorizzazione del meglio dell’enogastronomia italiana contribuendo all’affermazione della migliore cucina e dei migliori vini valorizzando al tempo stesso tradizione e novità. Con questa App, vogliamo dimostrare ancora di più di saper cogliere le opportunità della multicanalità e dei nuovi media, e di vedere nel mobile e nelle sue diverse piattaforme un importante alleato per la diffusione del Made in Italy».

Luisa Mosello

 

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *