Il miglior vino rosso dell’anno è Carmignano Riserva ’16 Piaggia

  • Condividi questo articolo

La nuova guida Vini d’Italia del Gambero Rosso premia 457 vini con i “Tre Bicchieri”. I vini sono stati premiati da una delegazione di giornalisti provenienti da tutto il mondo

28 Ottobre 2019 | di | Enogastronomia

La prima GuidaVini d’Italia” è del 1988. Da allora anno dopo anno, per 33 anni, la guida del Gambero Rosso è nelle librerie e nelle edicole puntuale, precisa, autorevole.

Con l’edizione del 2020 presentata all’Istituto Massimo di Roma (oramai un appuntamento autunnale da non perdere) dal presidente Paolo Cuccia, il curatore Marco Sabellico festeggia 30 anni, avendo cominciato con Stefano Bonilli e Daniele Cernilli per il Gambero Rosso e Carlo Petrini e Gigi Piumatti per Arcigola.

Con la guida “Vini d’Italia 2020” e “Ristoranti d’Italia 2020” si chiude l’ottobrata romana del “Gambero Rosso Roma Wine Weeks”, che per due settimane hanno portato alla ribalta della Capitale i vini, i prodotti e ristorazione della più alta qualità.

È la pubblicazione di riferimento nel mondo del vino italiano, che da qualche anno ha varcato i confini con l’edizione inglese, tedesco, cinese, giapponese.

Per questa Guida 2020 i numeri non tradiscono le attese: sono stati assaggiati 45mila vini alla cieca e ne sono stati selezionati 22.536; 2.532 sono i produttori; 457 iTre Bicchieri”, il riconoscimento più ambito dai produttori; 121 i “Tre Bicchieri Verdi” e 84 i “Tre Bicchieri” sotto i 15 euro.

Numeri che il tempo ha affinato, aumentato, facendo emergere la qualità e la supremazia dell’enologia italiana, oramai riconosciuta in tutto il mondo.

Miglior vino rosso dell’anno è “Carmignano Ris. ’16 – Piaggia” nel comune di Poggio a Caiano in provincia di Prato.

«Un vino dai profumi intensi, di ciliegia e prugna, uniti a note appena balsamiche e una delicata coloritura di vaniglia. Ha un corpo solido e di grande armonia, ricco di frutta e polpa, tannini setosi, sostenuto da una vena acida invitante per un finale di grandissima persistenza. Per noi è il rosso dell’anno» il giudizio espresso nella guida. Il titolare dell’Azienda Mauro Vannucci, che ha passato il timone alla figlia Silvia, nel ricevere il Premio ha voluto sottolineare che «abbiamo acquistato un terreno, non l’abbiamo acquistato per fare vini, ma abbiamo acquistato un terreno per fare un grande vino».

«I premi speciali sono il condensato della nostra visione del mondo – scrivono nell’introduzione alla Guida Marco Sabellico e Gianni Fabrizio – e allo stesso tempo una sintesi del nostro lavorio di un anno».

«I protagonisti della guida festeggiano la qualità dei loro vini, i successi raggiunti e le potenzialità internazionali» ha dichiarato il presidente Paolo Cuccia«Il Gambero Rosso conferma il suo ruolo unico di player capace di scoprire, comunicare e promuovere le eccellenze e di indirizzare i produttori verso una crescita in Italia e in grado di individuare le enormi potenzialità del mercato mondiale in cui il vino del nostro Paese ha mostrato grande crescita e può ancora migliorare la marginalità dei produttori».

I vini sono stati premiati da una delegazione di giornalisti provenienti da tutto il mondo: Jorge Lucki (Brasile); Isao Miyajima (Giappone); Steve Thurlow (Canada); Serena Gou (Cina); Micky Choi (Corea Del Sud); Thomas C. Golenia (Germania); Makiko Morita (Giappone); Dmitry Merezhko (Russia); Pavel Kirillov (Russia); Eva Dülligen (Germania); Fred Swan (Stai Uniti).

I Premi Speciali sono sono stati assegnati a:

Rosso dell’Anno: Carmignano Ris. ‘16 – Piaggia (Poggio a Caiano – Prato)

Bianco dell’Anno: Colli di Luni Vermentino Lunae Et. Nera ‘18 – Lunae Bosoni (Liguria)

Bollicine dell’Anno: Valdobbiadene Brut Nature Particella 232 ‘18 – Sorelle Bronca (Veneto)

Dolce dell’Anno: Trentino Vino Santo ‘03 – Toblino (Trentino)

Rosato dell’Anno: Cerasuolo d’Abruzzo Rosa-ae ‘18 – Torre dei Beati (Abruzzo)

Cantina dell’Anno: Frescobaldi (Toscana)

Miglior Rapporto Qualità Prezzo: Barbera d’Asti Lavignone ‘18 – Pico Maccario (Piemonte)

Viticoltore dell’Anno: Leopardo Felici (Marche)

Cantina Emergente: Tenuta Santa Caterina (Piemonte)

Premio per la Vitivinicoltura Sostenibile: Produttori di Manduria (Puglia)

Premio Progetto Solidale: Centopassi (Sicilia)

 

Enzo Di Giacomo

Foto © Enzo Di Giacomo

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *