In Croazia la sfida europea degli eco viaggiatori

  • Condividi questo articolo

A Zagabria e sull’isola di Lussino la prima Conferenza interparlamentare su “Le sfide del turismo sostenibile: la promozione della tradizione culturale e la cura dell’ambiente”

3 Settembre 2014 | di | Ambiente - Cultura - Europa - Eventi

Sarà la Croazia il fulcro e il volano del turismo sostenibile del Terzo Millennio. Il Paese membro più giovane dell’Ue lancerà le sfide per un ecofuturo a 360 gradi ospitando dal 10 al 13 settembre la prima Conferenza Interparlamentare Europea sul turismo sostenibile, puntando sulla protezione della tradizione culturale e la cura dell’ambiente. Valutando con attenzione il modo in cui contribuisce al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione locale, l’equilibrio ecologico, la preservazione e la promozione del patrimonio culturale, e una mobilità più easy.

Interverranno Presidenti e membri delle commissioni per il turismo dei parlamenti nazionali di tutti i paesi membri dell’Ue e dei Paesi ospiti, rappresentanti delle istituzioni e delle organizzazioni internazionali. Obiettivo della Conferenza: il miglioramento della collaborazione interparlamentare attraverso lo scambio delle esperienze e delle informazioni sulla prassi legislativa, sottolineando l’importanza del turismo nello sviluppo delle economie nazionali e l’uso attivo della tradizione culturale e della cura dell’ambiente in ogni aspetto. In questa direzione la Commissione per il Turismo del Parlamento Croato ha già avviato un’iniziativa per far incontrare i rappresentanti dei Paesi dell’Europa Sud-Est che hanno già iniziato o intendono iniziare il processo dell’adesione all’Ue.

Essendo il semestre italiano alla presidenza del Parlamento Europeo, l’Italia avrà un ruolo centrale: insieme al Presidente della Commissione per il Turismo del Parlamento Croato, il Copresidente sarà Guglielmo Epifani, Presidente della Commissione italiana alle Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati.

Luisa Mosello

 

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *