Infopoverty: a New York la quindicesima Conferenza mondiale

  • Condividi questo articolo

Il 9 e 10 aprile si svolgerà presso la sede delle Nazioni Unite con l’obiettivo di incrementare le politiche di sviluppo

19 Marzo 2015 | di | Attualità - Hi-Tech - Mondo - Politica

Il 9 e 10 aprile 2015 si terrà a New York, presso la sede delle Nazioni Unite, la XV edizione della Conferenza mondiale Infopoverty, che ha come tema i prossimi obiettivi di sviluppo sostenibile, la sfida dell’era digitale. La videoconferenza di questo evento sarà trasmessa a Milano, all’Ufficio di Informazione del Parlamento europeo.

IMG_20150317_111257La Conferenza, sorta nel 2001 su iniziativa delle Nazioni Unite e di Occam (l ‘Osservatorio per la comunicazione culturale e audiovisiva nel Mediterraneo e nel mondo) si fonda sulla lotta alla povertà con l’ausilio delle nuove tecnologie della comunicazione. Ben presto questo è diventato un appuntamento annuale che vede riuniti i maggiori protagonisti del settore privato (IBM, Intel, Microsoft, Google) a confronto con le politiche governative (di Usa, Paesi africani, latinoamericani e asiatici), i sistemi internazionali (World Bank), la società civile (l’economista Jeffrey Sachs, la Vicepresidente della Commissione europea Neelie Kroes e la società accademica: Oklahoma e Stanford University, Politecnico di Milano, Università Cattolica di Milano, UN Foundation).

IMG_20150317_120201Quest’anno inoltre la discussione tratterà del valore dei digital services come acceleratori dello sviluppo e sull’applicazione su larga scala della Global Platform, uno strumento al servizio dei governi, delle istituzioni pubbliche e private per cooperare concretamente nei settori della sanità, sicurezza alimentare, educazione, job creation. L’evento quindi è in linea con la volontà di incrementare le politiche di sviluppo come sostiene il segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, insieme all’Unione europea, che ha promosso il 2015 come l’Anno europeo dello Sviluppo.

 

Antonio Vanzillotta

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *