La danza come strumento che unisce i popoli a livello mondiale

  • Condividi questo articolo

Le Stelle tornano a danzare sotto il cielo della Città Eterna! Trionfo per la seconda edizione della Gaynor Fairweather Cup al Rome Cavalieri Waldorf Astoria

5 Luglio 2019 | di | Costume - Eventi
oznor

Che si tratti di salsa, tango, hip hop, valzer o mazurka, la danza rispecchia il carattere, la cultura e il ritmo del popolo che l’ha creata e contribuisce a tramandarne la storia e le tradizioni, ma non solo. Questa disciplina  è soprattutto in grado di unire il mondo in nome del movimento dei corpi e di un linguaggio universale fatto di musica e di ritmo. Ciò è stato evidenziato attraverso lo sfavillante mondo del ballo latino americano protagonista nell’estate della Capitale con la seconda edizione della Gaynor Fairweather Cup  e andato in scena nella serata di sabato 29 giugno nell’elegante cornice del Rome Cavalieri Waldorf Astoria.

Gaynor Fairweather MBE, star assoluta nel mondo delle danze latino americane e suo marito Mirko Saccani, il più grande coreografo della disciplina, sono tornati a far danzare la Capitale con l’attesissima seconda edizione dell’affascinante manifestazione che, dopo il successo dello scorso anno, ha attirato il crescente interesse di numerosi vip, della stampa e di un pubblico sempre più vasto e attento.

Attraverso questo evento si è voluto far comprendere come la danza sia la forma di manifestazione delle dimensioni profonde della natura umana e sostiene il benessere attraverso la rappresentazione di emozioni.

Un’atmosfera davvero unica ha accolto gli ospiti dell’evento che hanno posato per le foto di rito a fianco dei numerosi personaggi presenti tra i quali Tony Renis in compagnia della moglie Elettra MoriniEnrico Lo VersoVeera KinnunenDanilo Brugia in compagnia di Alessia IzzoAnastasia Kuzmina, Pablo Daniel Osvaldo, Manuela Maccaroni, Branko Tesanovic, Luca Favilla, Lidia Schillaci e Daniel Nilsson.

Innumerevoli selfie e dirette social hanno condiviso i meravigliosi momenti della seconda edizione della Gaynor Fairweather Cup, strutturata quest’anno con un format leggermente aggiornato rispetto alla prima edizione.

La gara, che ha assegnato l’ambito trofeo, è stata preceduta in questa occasione dall’esibizione di elegantissime business women, autentiche appassionate di danza che si sono cimentate in un applauditissimo Pro-Am Show, sfidandosi poi in un’appassionante Pro-Am Competition che ha visto l’affermazione di Natalia Poluychik in coppia con Roman Kovgan. Dietro di loro Joanna Wargala con Oskar Dziedzic, seguiti da Elena Bikuzina che ha ballato con Anton Goncharov, da Svetlana Mishina in coppia con Ilya Sizov e da Daniela Nardini con Andrea Evangelista.

Il Team organizzativo della GFC ha saputo replicare e moltiplicare le indimenticabili emozioni della prima edizione, grazie anche alla partecipazione di importanti partner come Paola Tienforti, titolare del brand Paola T, main supporter di questa seconda edizione.

Altri prestigiosi partner come Di Minno ShoesAntonio Maria ArbuesChrisanne CloverMy BoutonniéreTosetti Uomo e Bibenda, insieme a Paola T, hanno realizzato e offerto i premi per i vincitori oltre ai preziosi gadget donati ai personaggi presenti e agli ospiti, supportando l’organizzazione, magistralmente orchestrata da Cinzia Saccani, nella riuscita di questa manifestazione dell’allure internazionale e cosmopolita.

Tiziana Amorosi d’Adda ha coordinato il gruppo di lavoro che ha realizzato le suggestive scenografie dell’evento, grazie alla collaborazione di Francesca Neri e di Festa LTL. La silhouette stilizzata di Gaynor Fairweather MBE – star assoluta nel panorama mondiale della danza, 16 volte campionessa del mondo di Danze Latine Americane – è stata l’elegante elemento grafico protagonista dei raffinati allestimenti in bianco e oro, dei segnaposto personalizzati e, perfino dei confetti che hanno idealmente festeggiato la protagonista, creando il raffinato fil-rouge che ha contraddistinto questa entusiasmante, seconda edizione della gara a lei dedicata.

Il momento clou della serata, magistralmente condotta da Stefano Oradei,  ha visto in gara le più importanti coppie del mondo della categoria amatori di danze latino americane che si sono sfidate sui ritmi standard di gara, in un appassionante contest che ha coinvolto ed estasiato gli ospiti con passi complicatissimi e pose sensuali ed eleganti che hanno accompagnato il raffinato gala dinner con un menù stellato di prelibatezze di mare, realizzate per l’occasione dagli chef del Rome Cavalieri, chiuso degnamente dal tiramisù rivisitato dal Pastry Chef Dario Antonio Nuti.

La prestigiosa giuria composta da Caterina ArzentonPaulina Kazachenko, Veera Kinnunen, Nancy Berti, Andrei Mosachuk e Debby Posti, ha decretato la vittoria della coppia danese formata da Sam Shamseili & Liza Lakovitsky che ha avuto la meglio sulla coppia statunitense formata da Tal Livshitz & Ilana Keselman tra gli scatti fotografici di Walter Karuc che ha immortalato questa riuscitissima seconda edizione dell’appuntamento più importante per le danze latino americane a Roma.

La danza rappresenta, quindi, uno tra i fondamentali e primordiali modi con cui l’essere umano manifesta esternamente i suoi stati d’animo, il suo mondo interiore. Nella danza egli si esprime attraverso tutta una serie di movimenti, continuamente ripetuti e accompagnati dal ritmo, dalla musica o dal canto.

In una delle sue citazioni, Paulo Coelho ricorda come «la danza è una delle forme più perfette di comunicazione con l’intelligenza infinita». Come si può smentire? Come si potrebbe pensare al contrario?

La capacità del corpo di esprimere significato attraverso espressioni, gesti, movimenti, modalità di curarlo sono quindi il frutto di un involontario apprendimento di codici definiti e determinati che creano il nostro gusto e la nostra sensibilità.  Anche la danza è una realtà regolata da aspetti sociali e culturali ben definiti, è una manifestazione del corpo singolo e di quello collettivo, riconosciuto come degno di attenzione e di interessi che lega i vari popoli a livello europeo e internazionale.

Si parla attraverso la danza e la comunicazione diventa un’arte!

 

Francesca Sirignani

Foto e video © Francesca Sirignani

 

 

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *