La nuova banconota da 20 euro sarà presentata da Draghi il 24 febbraio

  • Condividi questo articolo

La Banca centrale europea organizza fino al 31 marzo il concorso basato sul gioco del “Tetris®” per promuovere il riconoscimento della nuova valuta cartacea

8 Febbraio 2015 | di | Attualità - Economia - Europa

Si è svolto a Roma, presso la Banca d’Italia, il seminario dell’Eurosistema destinato a produttori e fornitori di attrezzature per il trattamento delle nuove valute cartacee dell’Eurozona. Oggetto della presentazione le nuove banconote da € 20 che saranno presentate a Francoforte sul Meno, presso la sede della Banca Centrale Europea, dal presidente Mario Draghi il prossimo 24 febbraio.
16430853806_80e62fa1fd_o
La data di emissione sarà comunicata nella stessa giornata. Da quel momento esemplari del nuovo biglietto da 20 euro saranno offerti in prestito a produttori e fornitori di attrezzature per il trattamento delle banconote, affinché possano adeguare le proprie apparecchiature e i propri dispositivi di controllo dell’autenticità. L’entrata sul mercato ufficiale è prevista per l’autunno.

Il biglietto è il terzo della serie “Europa” a entrare in circolazione dopo i tagli da € 5 e da € 10. La seconda serie è stata introdotta per migliorare ulteriormente l’integrità delle banconote in euro contro i falsari.

Economic GovernancePer facilitare il riconoscimento della nuova valuta cartacea la Banca Centrale Europea ha ideato un gioco on-line “Tetris® Nuova banconota da €20”. Obiettivo dell’iniziativa è promuovere la conoscenza di quattro delle caratteristiche di sicurezza integrate nel biglietto, in particolare della “finestra con ritratto”, che rappresenta un elemento di novità.

Inoltre, i giocatori residenti nell’Unione europea che hanno compiuto 18 anni hanno la possibilità di partecipare a un concorso e aggiudicarsi uno degli omaggi celebrativi della BCE, un biglietto da €10 della nuova serie racchiuso in una formella di acrilico trasparente. Il concorso, che terminerà il 31 marzo, è accessibile cliccando qui.
Eachna O’Byrne
Foto © 2015 Creative Commons, European Central Bank and European Parliament
  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *