Terremoto: Juncker, partire da basilica Norcia per piena ripresa

  • Condividi questo articolo

Nel giorno della festa di San Benedetto, patrono d’Europa, il presidente della Commissione e quello del Parlamento confermano impegno Ue per la ricostruzione

21 Marzo 2017 | di | Europa - Eventi - in evidenza - Religione

La ricostruzione della Basilica di San Benedetto è «non solo un segno doveroso di solidarietà da parte dell’Unione europea nei confronti della comunità di Norcia e dell’intera Umbria, ma anche un’azione emblematica della necessità di ricostruire il patrimonio culturale, sociale e storico del territorio come premessa per la piena ripresa della attività economica nelle zone colpite dal terremoto». Ne è «profondamente convinto» il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker.

Parole contenute in una lettera giunta proprio oggi all’arcivescovo di Spoleto-Norcia, monsignor Renato Boccardo, nel giorno della festa del patrono della città umbra e dell’Europa, celebrata proprio di fronte alla Basilica ferita dal sisma. Nei giorni scorsi il presule aveva scritto al presidente della Commissione per ringraziarlo dell’impegno manifestato per la ricostruzione della chiesa. E la risposta di Juncker è stata letta oggi da monsignor Boccardo, dopo avere presieduto a Norcia la messa per il patrono d’Europa.

Il presidente Juncker ha confermato a Boccardo – secondo quanto riferito dalla diocesi – di seguire «da vicino i progressi relativi alla ricostruzione della Basilica di San Benedetto e al contributo della Unione europea a questo progetto». «La ricostruzione della Basilica» – ha aggiunto – «è solo una parte del contributo dell’Ue quale risposta al terremoto che ha colpito a più riprese l’Italia centrale dal 24 agosto 2016. Le sono infine riconoscente per il cortese invito a visitare Norcia. Sarò lieto di recarmi nella sua città una volta che i lavori di ricostruzione siano avviati, in modo da verificare insieme come la solidarietà concreta tra i popoli dell’Unione europea può lasciare un segno tangibile nella vita delle nostre comunità».

L’Europa investirà circa due miliardi di euro nella ricostruzione post terremoto. A quantificare l’aiuto comunitario in Italia è il presidente del Parlamento europeo, l’italiano Antonio Tajani, durante un incontro a Bruxelles con i sindaci di Teramo (Maurizio Brucchi), Spoleto (Fabrizio Cardarelli), Ascoli Piceno (Guido Castelli), Tolentino (Giuseppe Pezzanesi) e l’assessore al Turismo di Acquasanta Terme (Elisa Ionni).

Corina Creţu

La commissaria alla Politica regionale, Corina Creţu, «mi ha confermato la decisione della Commissione europea di erogare una cifra fra 1 e 1,2 miliardi» per le zone terremotate, «sulla base dello studio fatto dalla protezione civile», soldi che poi «andranno ripartiti fra le regioni colpite». Se a questo stanziamento si aggiungono i fondi Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) che potranno essere usati per la ricostruzione senza cofinanziamento nazionale, «si arriverà a 2 miliardi complessivi», ha spiegato Tajani.

A Norcia invece, proprio nella piazza antistante la Basilica, monsignor Boccardo ha tenuto oggi la sua omelia, parlando di «San Benedetto messaggero di pace». «Fu lui» – ha sottolineato – «che si adoperò perché sull’Europa sorgesse l’alba di un nuovo giorno quando alcune delle sue regioni sembravano precipitare nelle tenebre». Per l’occasione, i vigili del fuoco hanno installato un campanile in legno, dal quale per la prima volta dopo il forte sisma del 30 ottobre, è risuonata una campana.

«Con la croce, il libro e l’aratro, ossia la preghiera, lo studio e il lavoro, San Benedetto trasmise i valori cristiani» – ha detto ancora monsignor Boccardo – «e l’eredità benedettina ci suggerisce ancora di costruire un’Europa che non ruoti intorno all’economia ma alla sacralità della persona». Alla celebrazione hanno partecipato le massime istituzioni umbre, la presidente della Regione Catiuscia Marini e quella dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi, il sindaco di Norcia Nicola Alemanno, il prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro e i vertici delle forze di polizia.

Alla messa, celebrata insieme ai monaci benedettini, è seguita la processione con il reliquiario del Santo. «Siamo più vicini che mai al nostro patrono che ci ha salvato la vita il 30 ottobre. In questi giorni invitiamo i cittadini europei a riscoprire i valori più cari a San Benedetto di umiltà, obbedienza e silenzio», le parole del priore Benedetto Nivakoff, padre della Comunità benedettina di Norcia. «Ben poco sarebbe la ricostruzione della Basilica se nello stesso tempo non si provvedesse a quella dell’uomo, non solo a Norcia ma anche in Italia e in Europa», ha sottolineato ancora monsignor Boccardo.

 

Sophia Ballarin

Foto © CNN, European Union

 

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *