L’Aiav ottiene il riconoscimento del marchio di qualità

  • Condividi questo articolo

L’iniziativa dell’Associazione italiana agenti di viaggio, il progetto Qualitalytravel, sarà presentato oggi al TTG di Rimini, in linea con le indicazioni dell’Unione europea

8 Ottobre 2015 | di | Attualità - Eventi

L’iniziativa dell’Aiav, Associazione italiana agenti di viaggio, di richiedere il riconoscimento del marchio di qualità per le agenzie di viaggio si pone in perfetta sintonia con le recenti indicazioni dell’Unione europea in materia di trasparenza e tutela del consumatore, e in linea col lavoro che il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) svolge quale punto di riferimento unico (Single Liaison Office) tra le diverse Autorità nazionali italiane e gli altri Paesi membri dell’Ue.

14033142909_5ee34d6a1a_oLa cooperazione tra Stati membri vuole rendere effettiva l’applicazione della normativa a vantaggio dei consumatori nel mercato interno, aiutandoli ad esercitare i propri diritti e guidandoli nell’accesso a valide soluzioni di risoluzione delle eventuali controversie.

In questa ottica giocano una parte importante i “marchi di qualità“, che assumendosi l’onere di valutare le credenziali dei professionisti e la loro individuale capacità di rapportarsi correttamente col consumatore fornendogli tutela e garanzie, anticipano – di fatto – lo sviluppo di problematiche negative causate dall’inesistenza di controlli da parte delle istituzioni.

aiav_200“QI La Qualità delle Agenzie di Viaggio” impone all’agenzia di viaggio che ne faccia richiesta il rispetto delle normative di legge, sia di carattere generale che specifico, l’adesione a un codice etico rispettoso del consumatore ma, anche, dei partner commerciali, il preciso rispetto del disciplinare che regola le attività di formazione, aggiornamento, accoglienza, e assistenza professionale, oltre a incidere sulla selezione dei fornitori e sulle forme di promozione dell’attività, a partire dal sito web che si vuole sia quanto più possibile trasparente.

QIT logo 300Proprio a quest’ultimo proposito, la Ue ha effettuato – tra il 2013 e il 2014 – un’indagine sui siti web di agenzie di viaggio che, on-line, vendono viaggi aerei e soggiorni, riscontrando che solo il 62% dei siti web verificati (ne sono stati controllati 552) sono stati adeguati alla normativa europea; questo indica chiaramente quanto ancora ci sia da fare per migliorare il comparto, e quanto risulti importante agire selettivamente per portare all’attenzione del viaggiatore le realtà imprenditoriali maggiormente virtuose.

qui_aiav_20151Il marchio “QI – La qualità delle agenzie di viaggio”, sarà nei prossimi giorni nell’elenco ministeriale del MiSE. Altra importante iniziativa dell’Aiav è la creazione del primo portale dedicato all’incoming (www.qualitalytravel.com) aperto alle agenzie di viaggio specializzate nella promozione del territorio e nella vendita di pacchetti raffiguranti le eccellenze di ogni specifica area geografica. Il portale, che sarà presentato per la prima volta al TTG di Rimini, colmerà sicuramente una lacuna istituzionale che nulla ha mai fatto per sostenere le imprese turistiche italiane all’estero. Sono già più di 100 le agenzie presenti, che con pacchetti tematici esclusivi aiuteranno gli utenti a scoprire le infinite bellezze e le tradizioni che offre il Belpaese. Un portale che grazie all’Aiav e alla collaborazione di importanti aziende è diventata oggi realtà. Qualitalytravel è quindi il “veicolo” economico, ecologico e condivisibile col quale le AdV (Agenzie di Viaggio) potranno recarsi sui mercati esteri a vendere le proprie proposte. Un portale intuitivo, dinamico, di facile accesso e rapida consultazione, tradotto in 7 lingue (tra cui il cinese e il russo entro la fine dell’anno) che permetterà all’utente di scegliere tra un’infinita gamma di proposte e combinazioni. Tra i principali partner del progetto oltre all’UFTAA (Universal Federation of Travel Agents Association), che veicolerà il portale verso le agenzie di viaggio di tutto il mondo tramite le associazioni di categoria aderenti alla federazione, hanno partecipato per il supporto tecnologico la Mind Cube, rinomata società svizzera che ne ha fornito il complesso sistema e il posizionamento web azienda che sta curando le operazioni di marketing sui motori di ricerca.

 

Nicola Del Vecchio

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *