Bce: nuovi strumenti di indagine per la vigilanza bancaria

  • Condividi questo articolo

La Banca centrale europea avvia da oggi fino al 15 settembre una consultazione pubblica riguardante un progetto di guida alle ispezioni in loco e alle indagini sui modelli interni

27 luglio 2017 | di | Economia - Europa

La Banca centrale europea (Bce, nell’acronimo inglese ECB, European Central Bank) indice da oggi fino a metà settembre una consultazione pubblica riguardante un progetto di guida alle ispezioni in loco e alle indagini sui modelli interni. Le ispezioni costituiscono uno strumento essenziale per la vigilanza bancaria a livello mondiale. La guida, redatta in stretta collaborazione con le autorità nazionali competenti (Anc), è finalizzata a illustrare come la Vigilanza bancaria della Bce conduce le ispezioni e a offrire un documento utile agli intermediari sottoposti a tali accertamenti.Le ispezioni sono tese a fornire un’analisi approfondita dei vari rischi, dei sistemi di controllo interno, dei modelli di business o della governance di una banca. Hanno ambito di indagine e tempi prestabiliti e si svolgono presso i locali della banca ispezionata o di un soggetto giuridico a essa collegato. Le ispezioni dovrebbero essere invasive e conformarsi al tempo stesso al principio di proporzionalità. Inoltre, mirano a fornire un’istantanea dettagliata della situazione di un dato intermediario, anche in un’ottica prospettica. Nella guida si delinea il quadro di riferimento generale entro cui vengono condotte le ispezioni, si descrivono le diverse fasi degli accertamenti e si stabiliscono i principi ai quali sia le banche sia i gruppi ispettivi devono attenersi.

Come già indicato la consultazione sul progetto di guida inizia oggi e si concluderà il 15 settembre 2017. La documentazione di riferimento, comprendente il progetto di guida e le risposte alle domande più frequenti, è disponibile sul sito Internet della Vigilanza bancaria della Bce. Sul sito sono inoltre reperibili le informazioni sulle modalità di presentazione dei commenti. Una volta chiusa la consultazione, la Banca centrale europea renderà noti i commenti pervenuti unitamente a un resoconto della consultazione.

 

Claudia Lechner

Foto © European Central Bank

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *