I giovani sognano e vogliono viaggiare negli ostelli

0
1246

Molti potrebbero chiudere per il distanziamento sociale al tempo del Covid-19

La maggior parte degli ostelli, molto amati soprattutto all’estero da giovani e non solo, non sarebbero più in grado di riaprire in quanto non rientrerebbero nelle regole del distanziamento sociale.

I giovani si sa, sono sempre stati i primi a ripartire dopo i vari blocchi dovuti ad emergenze. Gli ostelli sono sempre stati la loro prima scelta in quanto economici ma soprattutto un luogo dove poter socializzare con altri viaggiatori incontrati per caso. Tantissimi giovani stanno già iniziando a programmare le prossime esplorazioni dopo i blocchi del Coronavirus.

Incerto invece è lo stato dei proprietari degli ostelli, che non riuscirebbero a riempire i dormitori se le regole di distanziamento sociale per contenere e prevenire il Covid-19 resteranno quelle in corso.

Il futuro per le strutture, i loro lavoratori e chiaramente tutto l’indotto creato dai loro ospiti risulta compromesso. I Millennials o Generazione X e Z che ad oggi risultano essere il numero maggiore di possibili viaggiatori nel mondo e hanno voglia di partire e scoprire il mondo in modo economico, socializzare e condividere le loro esperienze.

M&J Place Rome - Camera Privata

Tutto il settore è stato colpito in pieno dalla perdita di ricavi e dalla non visione di un futuro prossimo roseo. I prossimi mesi saranno molto complicati in quanto la stagione in realtà è partita già azzoppata. I Millennials iniziano normalmente a viaggiare da marzo. Il blocco degli ingressi o uscite di alcuni Paesi o anche la richiesta di quarantena in altri non aiuta il settore e la ripartenza.

Ricordiamo che la clientela degli Ostelli è quasi tutta straniera, quindi molto difficile ripartire da subito con le condizioni che sono ad oggi richieste per garantire la tutela degli ospiti come accade negli alberghi. Comunque la clientela che sceglie gli ostelli è pronta a ripartire, condividere e socializzare come prima. I giovani sono curiosi e hanno voglia di libertà e di conoscere il mondo in cui vivono.

Gli ostelli che oggi sono duramente colpiti, chiedono da Milano a Catania, la stessa cosa: cercare una soluzione per far ripartire il settore. Almeno trovare soluzioni che permettano, soprattutto alle strutture che dispongono solo di camere dormitorio, una riapertura a breve.

Tornare alla normalità sarà molto difficile ma i sogni non possono ne devono essere tarpati. Come hanno fatto fino a ieri, vogliono essere in prima linea per aiutare la gente a uscire di casa e incontrarsi per condividere le loro esperienze e socializzare. Oggi ne hanno tutti bisogno più di ieri. Gli ostelli sono nati con questo spirito e vogliono continuare ad esercitarlo.

Ostello degli Elefanti Catania - Dormitorio

Nel mondo si contano circa 15.000 ostelli prenotabili su www.hostelineurope.com, circa 1.500 in Italia di cui 120 indipendenti. Questi, dopo lo scioglimento di Aig (Associazione italiana ostelli della gioventù) stanno cercando di organizzarsi per dare voce a quella parte d’Italia che non si arrende e vuole continuare ad accogliere ragazzi provenienti dai 5 continenti che hanno il desiderio di conoscere il Paese più bello del mondo in modo indipendente economico e immergersi nella cultura locale italiana.

Mario proprietario di un ostello che da poco ha festeggiato i 25 anni di attività: «Molti ostelli oggi dispongono di camere private che potranno essere usate senza problemi di distanziamento. Al contrario, abbiamo paura che, non potendo disporre delle camere condivise, si perderebbe il fascino e la magia della socializzazione che contraddistingue un ostello da un albergo».

Le nuove regole che stabiliscono una distanza minima tra i letti porterebbero ad una riduzione del numero degli ospiti, di conseguenza un aumento del costo per persona allo scopo di limitare le perdite di gestione. Molti nel mondo degli ostelli si chiedono se questa pandemia riuscirà a far sparire un modo unico di viaggiare nato più di cento anni fa, nel lontano 1909.

«Le persone vanno negli ostelli per incontrare nuove persone e condividere le loro esperienze e storie». Tutti gli ostelli sono pronti a riaprire per accogliere gli ospiti provenienti da tutto il mondo per condividere un’esperienza sociale. Tutti vogliamo incontrare nuove persone, socializzare e presentare la nostra bella Italia. No one is like you, Italia.

 

Mario Gallo

Foto © Sunflower-Hostel-Rimini, M&J Place Rome, Ostello degli Elefanti Catania

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui