Vendite auto Europa, nei primi 8 mesi +7,8%

0
185

Dopo un’estate altalenante, con luglio in leggero calo, ad agosto riprendono a correre le immatricolazioni di vetture nuove. Tranne nei Paesi Bassi (per nuove norme) e in Svizzera

Estate in chiaro-scuro per il mercato auto europeo. Dopo il calo dell’1,8% del mese di luglio – che ha rappresentato la prima diminuzione nelle immatricolazioni, dopo 34 mesi consecutivi in crescita – ad agosto il settore è tornato con segno positivo. I dati resi noti dall’Associazione dei costruttori auto europei, infatti, ha mostrato un nuovo balzo in avanti del 9,5% fino a 855.466 vetture nuove vendute.  Questo porta a +7,8% la percentuale di crescita del numero delle immatricolazioni all’interno dell’Unione europea nei primi 8 mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, fino a quota 10,1 milioni.

vendite-auto-europa-1All’interno dell’Unione vi sono risultati diversi: nei primi 8 mesi spiccano solo i risultati negativi di Olanda e Svizzera (quest’ultima rientra nella statistica insieme ai Paesi non Ue come Islanda e Norvegia). «Il Paese dei tulipani viene osservato attentamente» – spiega Romano Valente, direttore generale Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere operanti in Italia – «visto che ha accelerato un percorso verso una mobilità completamente sostenibile o a emissioni zero, con target al 2025. Gli olandesi, infatti, stanno attendendo le politiche del governo in tal senso, confermando che il percorso verso questa mobilità va preparato e accompagnato».

Bene i grandi mercati

Fanno registrare dati positivi le vendite dei mercati principali: la Germania, dopo un leggero calo a luglio, ad agosto ha ripreso a crescere con un +8,3% portando a 2,25 milioni di unità le nuove immatricolazioni nei primi 8 mesi del 2016 (+5,7%). Da registrare un boom delle auto ibride e un +7,7% nelle auto elettriche. Nel Regno Unito piccolo aumento sia a luglio sia ad agosto, con previsioni di fine 2016 a +1%.vendite-auto-europa-2 Francia: luglio a -9,6% e agosto recupero con +6,7% e crescita totale del 6,1% nel periodo gennaio-agosto rispetto all’analogo lasso di tempo del 2015. Secondo le previsioni, le vendite aumenteranno gradualmente nei prossimi 2 anni: se il 2016 potrebbe chiudersi a 2.030.000 unità, il 2017 toccherebbe quota 2.080.000 e il 2018 quota 2.110.000. Ancora meglio ha fatto la Spagna, con aumenti sia a luglio sia ad agosto (in quest’ultimo caso, +14,6%). Un grande contributo ai risultati dei primi 8 mesi del 2016 è stato invece dato dal “Plan Pive”, il piano di incentivi pubblici terminato a luglio dopo 4 anni: le vendite di auto hanno segnato un +11,3% grazie anche al traino delle vendite di veicoli di società di noleggio.

Per quanto riguarda l’Italia, dopo il leggero calo di luglio agosto è ritornato “tonico” con un +20,1% che contribuisce a una crescita del 17,1% nel periodo gennaio-agosto 2016 – e 1.251.806 nuove immatricolazioni – rispetto allo stesso periodo del 2015 quando le nuove vetture commercializzate furono 1.066.454.

 

Andrea Barbieri Carones

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui