A Natale non giochiamo con la salute dei più piccoli

  • Condividi questo articolo

Ogni anno, solo in Italia, muoiono 50 minori per ingestione di oggetti e sono 70mila gli infortuni che riguardano i bambini, il 20% causati da giocattoli

13 Dicembre 2014 | di | Attualità - Costume - Europa

Anche quest’anno Natale è alle porte e come sempre si prepara la corsa al regalo giusto sperando di evitare le folle e gli errori della fretta dell’ultimo minuto. Errori che a volte possono andare di là del gusto o della soddisfazione personale o della persona che riceve il regalo quando di mezzo c’è la salute, in particolar quella dei più piccoli.

Proprio a Natale sono venduti oltre il 50% dei giocattoli e più che mai è opportuno ricordare qualche piccolo consiglio da non dimenticare proprio al momento dell’acquisto. Come ad esempio comprare preferibilmente da rivenditori e siti web di fiducia, leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni o scegliere giocattoli adatti all’età e alle capacità del bambino.

Fra le regole più immediate da seguire, cercare di evitare giocattoli con parti piccole che possono facilmente staccarsi e finire nella pancia dei più indifesi. Biberon, trenini o pelouche contraffatti, con vernici spesso infiammabili e parti che possono provocare soffocamento, sono purtroppo alcuni dei prodotti che arrivano nel nostro territorio, in prevalenza dalla Cina, e che occorre riconoscere quando sfuggono alle maglie della Guardia di Finanza, che sequestra annualmente milioni di giocattoli pericolosi.

I consigli da seguire prendono spunto dalla campagna di sensibilizzazione della Commissione europea che assieme al Parlamento europeo stanno promuovendo in giro per l’Europa queste informazioni da seguire. La mattina del 22 dicembre “Giocattoli più sicuri per i nostri bambini” sbarca a Roma con una mattinata dedicata al tema. I vicepresidenti del Parlamento europeo Antonio Tajani e David Sassoli, il direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Lucio Battistotti e il Generale di Brigata Ivano Maccani, Comandante provinciale della Guardia di Finanza di Roma, promuoveranno l’iniziativa in un grande negozio del centro di Roma, per ricordare il significato della direttiva europea sul marchio CE sui requisiti di sicurezza obbligatori e in vigore da due anni.

Una legge che aiuta a combattere le contraffazioni rischiose per la salute dei piccini , a partire dallo stesso marchio CE. Ogni anno, solo in Italia, muoiono 50 minori per ingestione di oggetti e sono 70mila gli infortuni che riguardano i bambini, il 20% causati da giocattoli. Quest’anno non giochiamo con la salute, qualche euro in più potrà proteggere i nostri piccoli e far bene anche alla nostra economia!

Tutti i consigli: http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-13-1188_it.htm

Andriko Mouapesi

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *