Le strategie di Air Cairo. Apre la tratta fra Roma e Sharm El Sheikh

  • Condividi questo articolo

La compagnia aerea egiziana annuncia inoltre due nuovi voli da Milano verso Borg El Arab, mentre per il futuro ha in programma due ulteriori collegamenti con Luxor e Hurghada

18 aprile 2018 | di | Viaggi

Un ruolo importante nell’ambito della progressiva ripresa dei flussi turistici in Egitto, dopo anni difficili dovuti alla complicata situazione mediorientale, viene svolto da Air Cairo, compagnia aerea nata nel 2003 e divenuta in breve tempo una realtà imprescindibile nel settore.

Per fornire qualche numero, 15.707 sono stati gli arrivi nel gennaio 2018, rispetto ai 12.471 dello stesso mese dello scorso anno (+ 25,9%). Dati incoraggianti, che fanno ben sperare al riguardo.

A partire da domenica 29 aprile verrà inaugurata la tratta Milano Malpensa/Borg El Arab, perla del Mediterraneo, con un secondo volo a partire dal 7 giugno, mentre dal prossimo autunno verranno attivati due ulteriori collegamenti con Luxor e Hurghada.  La strategia globale della compagnia è stata illustrata ieri a Roma dal direttore commerciale Essam Azab, insieme a Riccardo Santagostino, responsabile marketing dell’agenzia Non solo sogni.

Air Cairo collega le principali mete turistiche egiziane con dieci Paesi europei, mentre l’espansione sul mercato italiano è recentissima e risale allo scorso ottobre. L’obiettivo è quello di estendere il numero dei voli, collegando le maggiori città italiane con i luoghi più importanti dell’Egitto.

Air Cairo opera principalmente con voli di linea, e può contare su una flotta di dieci Airbus A320, insieme ad un Boeing 737-800. Entro il 2020 è stato inoltre annunciato un incremento dei velivoli, sino al raggiungimento delle quindici unità.

La compagnia adotta una politica molto attenta alle richieste dei passeggeri. In particolare vengono previsti pasti speciali a bordo per le esigenze più particolari, oltre alla possibilità di caricare bagagli extra sino al ragguardevole peso di 30 KG. Permesso inoltre l’imbarco di piccoli animali domestici, purchè nell’apposito trasportino.

L’incremento dei voli fra l’Italia e l’Egitto, oltre a indicare una netta ripresa del turismo confortata dai numeri (+ 94,1 % di presenze italiane nel 2017 rispetto l’anno precedente), indica la volontà di estendere l’offerta coinvolgendo e promuovendo località magnifiche del Mediterraneo, in aggiunta al già frequentatissimo Mar Rosso.

 

Riccardo Cenci

 

 

 

 

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *