Minsk 2019, da Roma parte la fiaccola dei Comitati Olimpici

  • Condividi questo articolo

Giunti alla 2a edizione i Giochi del Vecchio Continente si terranno nella capitale bielorussa. L’evento è stato presentato nella Città Eterna, sede operativa dell’EOC

3 Maggio 2019 | di | Europa - Eventi - Sport

Riconosciuti dal Comitato Olimpionico Internazionale “CIO”,  i Comitati Olimpici Europei, “EOC” (European Olympic Committees) sono l’organismo internazionale che riunisce i 50 Comitati olimpici nazionali europei.
L’EOC è impegnata in tutta Europa per diffondere i valori olimpici, promuovere lo sport  e stili di vita sani, provvedendo  alle attività di base, attraverso il sostegno a sport d’élite ed eventi come: i Giochi europei, il Festival olimpico della gioventù europea, i Giochi di piccoli Stati sempre nel contesto europeo.
Al fine di migliorare il profilo dello sport olimpico nel vecchio Continente, lavorano gomito a gomito con le federazioni sportive, agenzie governative, atleti e comitati organizzatori.

Così come le Olimpiadi, i Giochi europei sono un evento multidisciplinare e si svolgono ogni 4 anni, la prima edizione ha avuto luogo a Baku in Azerbaigian, nel 2015.
Siamo quindi giunti al secondo appuntamento,  in Bielorussia, l’European Games Minsk 2019 che inizierà dal 21 giugno e terminerà il 30. Oltre 4.000 tra i migliori atleti d’Europa gareggeranno in 15 sport: basket 3 × 3, tiro con l’arco, atletica, badminton, beach soccer, boxe, sprint di canoa, ciclismo, ginnastica, judo, karate, sambo, tiro, ping-pong e wrestling. Otto dei 15 sport fungeranno da qualificatori per le Olimpiadi di Tokyo 2020, con i Giochi Europei che contano anche come campionati ufficiali europei per due sport.

La fiaccola olimpica che lo animerà è partita oggi da Roma, nell’inestimabile cornice storica dell’Ara Pacis.
In sintonia con lo spirito olimpico di questa iniziativa che attraverso lo sport vuole anche mostrare e promuovere la cultura, il patrimonio naturale e artistico del Paesi ospitanti, l’inizio della cerimonia ha toccato direttamente il cuore dei partecipanti, quando una violoncellista ha suonato la Suite N°1 di Bach.

Per celebrare anche la cultura italiana, un coro di giovani diretti da un Maestro d’orchestra ha intonato il “Va Pensiero” dal “Nabucco Doroson” di Giuseppe Verdi.

Il presidente del Coni, Giovanni Malagò ha ha dato il benvenuto  a una vasta delegazione: il presidente dell’European Olympic Committee (EOC) Janez Kocijančič, il segretario generale EOC Raffaele Pagnozzi, il presidente della Commissione europea di coordinamento dei giochi Spyros Capralos e il vicepresidente della Commissione europea di coordinamento dei giochi Zlatko Mateša.

A rappresentare “Minsk 2019” e il Governo della Bieloruso sono stati il ​​CEO del Comitato organizzatore europeo dei giochi di Minsk (MEGOC), George Katulin, e il ministro dello sport e del turismo bielorusso Sergey Kovalchuk. Ospiti d’onore nelle celebrazioni anche i campioni olimpici Alena Belova (scherma), Uladzislau Hancharou (trampolino) e Yuliya Nestsiarenka (100 metri).

«La Bielorussia è una patria con una grande tradizione sportiva», ha dichiarato Giovanni Malagò dopo aver salutato le autorità presenti. «L’Italia vuole essere protagonista di questi secondi giochi europei con 115 elementi per i 15 sport». «Oggi sono trascorsi 49 giorni dalla cerimonia di apertura dei Giochi europei a Minsk», ha dichiarato il presidente EOC Kocijančič. «Stiamo provando a creare un evento multi-sport che sarà il secondo solo ai Giochi Olimpici. Siamo all’ultima fase dei preparativi e posso dirvi che siamo molto soddisfatti e non vediamo l’ora di giocare a Giochi eccellenti a giugno».

 

Ai rappresentanti di Minsk 2019 è stata donata la scultura “Dea Pax Golden Olive Tree” , un simbolo di pace e amicizia i cui rami rappresentano lo sviluppo della copertura EOC per ricevere atleti da tutti i Comitati olimpici nazionali europei (ENOC). L’olivo era considerato sacro da Dea Pax, la dea romana della pace, e la scultura, realizzata dal famoso scultore e orafo Nicola Amato, è stata pensata in omaggio a questi valori.

Mons. Melchor Sanchez de Toca, sottosegretario del Pontificio Consiglio della Cultura e Siarhei Kavalchuk, Ministro dello sport Repubblica di Bielorussia

Prima della cerimonia di accensione alla Fiaccola olimpica, l’EOC ha tenuto una conferenza stampa trasmessa in diretta sui suoi canali social e includeva domande da parte di giornalisti di tutto il mondo.
«Minsk è pronta per ospitare i Giochi», ha commentato il presidente della CoCom Capralos, che ha aggiunto che il Villaggio degli atleti è uno dei migliori che abbia mai visto. «Puoi davvero sentire l’entusiasmo della gente del posto e dei volontari, che sono pronti a offrire i loro servizi per il successo di questi Giochi. Tra 49 giorni vedremo che questi Giochi europei avranno un grande successo».

Prima di dirigersi verso la capitale bielorussa, la Fiamma della Pace sarà portata in cima al Monte Bianco dai membri della Federazione alpinistica bielorussa. Si dirigerà quindi attraverso l’Austria, la Repubblica Ceca, l’Ungheria, la Polonia, la Slovacchia e la Slovenia in rotta verso la Bielorussia. La Fiamma sarà accompagnata nel suo viaggio da una carovana di 23 motociclisti di “The One Chapter Belarus”.
Il club motociclista ha lasciato Minsk per Roma il 27 aprile per la sua missione storica. In totale, la Fiamma della Pace percorrerà circa 7.700 km, con l’obiettivo di riannodare i Giochi Europei e parlare al mondo della Bielorussia. La fiamma concluderà il suo viaggio al Dinamo Stadium di Minsk, dove verrà utilizzato per illuminare il calderone dei Giochi Europei. Si prevede che il Torch Relay coinvolgerà 450 tedofori, 100 volontari e 10 guardiani di fiamma.

«Oggi è un giorno molto importante per noi perché a tutti gli effetti significa che è iniziata la 2a edizione dei Giochi europei», ha dichiarato Katulin, CEO di MEGOC. «Questo lungo viaggio, più di 7.000 chilometri, ci porterà dalla capitale dello sport europeo, Roma, alla capitale della nostra Repubblica, dove la gente attende con grande entusiasmo il 21 giugno e la cerimonia di apertura».

 

È  possibile seguire il viaggio della Fiamma della Pace sull’account Instagram ufficiale

 

  • Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *