“Premio Carlo Magno della gioventù” quest’anno va a un progetto italiano

0
56

Il prestigioso riconoscimento assegnato a AIESEC Italia. In Vaticano Papa Francesco riceve il Premio Carlo Magno 2016 per il suo impegno a favore dell’integrazione

È italiano il progetto che quest’anno si è aggiudicato il “Premio Carlo Magno della gioventù”. Si chiama InteGREAT, ha come principale obiettivo la promozione dell’integrazione dei rifugiati all’interno dell’Ue, attraverso la partecipazione di volontari internazionali, Ong e comunità locali, grazie all’organizzazione di seminari, eventi, workshop e attività di svago.

Il progetto è stato creato da AIESEC Italia e si propone appunto di fare in modo che i giovani provenienti dai vari Stati membri possano collaborare per rispondere con la forza delle loro azioni, alla crisi dei rifugiati che in questo periodo storico sta sconvolgendo i Paesi dell’Unione europea e le loro popolazioni.

European Charlemagne Youth Prize 2016.Award ceremonyIl premio, organizzato dal Parlamento europeo e dalla Fondazione Internazionale Premio Carlo Magno, è rivolto ai giovani fra i 16 e i 30 anni che abbiano elaborato progetti che hanno come principale scopo quello di incoraggiare la comprensione fra diversi Paesi europei. Obiettivo principale del Premio, infatti, è proprio quello di favorire lo sviluppo di una coscienza europea puntando sui giovani, futuri cittadini dell’Ue.

Il secondo posto è andato a un progetto elaborato dagli studenti del Liceo in Pirgetos, Larissa, in Grecia, che hanno creato un gioco per tablet su Carlo Magno; mentre il terzo premio è stato assegnato al progetto britannico “Young European Council” (YEC), una conferenza annuale internazionale che riunisce i giovani che hanno a cuore il futuro dell’Unione europea.
I tre progetti vincitori hanno ricevuto, durante la cerimonia di premiazione svoltasi negli scorsi giorni ad Aquisgrana, un finanziamento rispettivamente pari a 5.000, 3.000 e 2.000 euro.

Si svolgerà oggi, invece, la cerimonia di premiazione del Premio internazionale Carlo Magno 2016, quest’anno assegnato a Papa Francesco, per il suo lavoro a favore della pace e dell’integrazione europee. Il Pontefice riceverà prima in udienza al Palazzo apostolico i leader europei (il presidente del Parlamento Martin Schulz, quello della Commissione, Juncker, e quello del Consiglio europeo, Tusk), seguirà poi la cerimonia di premiazione, alla presenza del Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi.

 

 

 

Valentina Ferraro
Foto © European Union 2016 – Source: EP

Articolo precedente5 maggio 1821 – 5 maggio 2016
Articolo successivoNuova cooperazione allo sviluppo, comunità straniere protagoniste
Valentina Ferraro
Laureata in letteratura contemporanea, ha lavorato per diversi anni come editor per una casa editrice romana, per poi avvicinarsi alla sua più grande passione: la scrittura, intesa come mezzo di comunicazione a 360 gradi. Ha iniziato scrivendo di cinema e cultura per diverse testate sia online che cartacee (fra queste, “Il quotidiano della Sera” e il settimanale “Il Punto”). Dopo il primo viaggio a Bruxelles, nel 2014, ha scoperto un forte interesse per l’Unione europea, iniziando così ad approfondire le tematiche relative all’Ue. La spiccata curiosità per l’universo della “comunicazione 2.0” l’ha portata a mettersi alla prova anche come blogger. Di recente la scrittura ha incontrato un’altra sua grande passione: l’enogastronomia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui