Open science, Giannini: «Disponibilità di dati a una platea più ampia»

0
88

Il ministro: utilizzare i programmi spaziali e satellitari europei, Copernico e Galileo, per migliorare attività economiche e gestire il flusso dei migranti

Condivisione completa dei dati. Questo, in estrema sintesi, l’obiettivo principale della Open science, un sistema che mira a creare un luogo virtuale in cui tutto il sapere, a livello europeo, sia liberamente accessibile a tutti. Ricerche scientifiche e pubblicazioni messe a disposizione di chiunque ne abbia bisogno, in un dialogo fra università, aziende e istituti che promuova, appunto, il continuo scambio di informazioni.

Anche di questo si è discusso durante il Consiglio Competitività dedicato ai temi di ricerca e istruzione, individuando due punti fondamentali alla base della strategia dell’Unione europea, ovvero il libero accesso alle pubblicazioni scientifiche e il “riutilizzo ottimale” dei dati. A questo proposito, Stefania Giannini, ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, ha voluto sottolineare che «Open science significa disponibilità dei dati, dei risultati della ricerca scientifica, a una platea più ampia possibile, tutelando il diritto di proprietà intellettuale», ricordando anche il «potenziale economico» che può derivare da una strategia di questo tipo.

«Dobbiamo creare quelle condizioni per un cambiamento radicale» ha dichiarato la Giannini, per rendere attiva in tutta Europa «quella multidisciplinarità di coloro che pensano, coloro che fanno e i ricercatori» così da creare «un paradigma che si applica in ambito industriale, delle start up». Fondamentale, in questo contesto, anche il lavoro per lo Spazio Europeo della Ricerca (European Research Area – ERA), che si pone ambiziosi obiettivi per il 2020, fra i quali la “libera circolazione dei ricercatori, delle conoscenze e delle tecnologie”. Il ministro Giannini ha voluto sottolineare come l’Italia sia particolarmente attiva in questo ambito, dichiarando con sicurezza di essere, all’interno dell’Ue «uno dei Paesi che sta facendo i passi più importanti».

Proprio nell’ottica di un utilizzo ottimale dei dati, il ministro ha evidenziato anche l’importanza dei programmi spaziali e satellitari europei, Copernico e Galileo. Le informazioni raccolte grazie a questi  programmi, infatti, potrebbero essere utilizzate per migliorare sia le attività economiche che la vita quotidiana delle persone e, in questo particolare momento, potrebbero costituire anche un valido aiuto nella gestione del flusso dei migranti. Parlando di Galieleo e Copernico la Giannini ha anche ricordato con orgoglio come l’Italia sia stata «uno dei massimi contributori con il 10% di risorse».

Carlos Moedas
Carlos Moedas

In questa occasione, il commissario Ue alla ricerca, Carlos Moedas ha inoltre auspicato la nascita di un Consiglio Ue dell’innovazione che costituisca «non una struttura in più ma un luogo di condivisione delle idee per creare le condizioni per l’ecosistema dell’innovazione in Europa». Si tratta di una proposta già discussa nel corso del G7 in Giappone e  fortemente sostenuta anche dall’Italia.

 

 

 

 

Valentina Ferraro

Foto © European Union – ESA

Articolo precedenteL’Islam in Europa attraverso la cultura
Articolo successivoLotta contro spreco beni comuni, cittadino motore di cambiamento
Valentina Ferraro
Laureata in letteratura contemporanea, ha lavorato per diversi anni come editor per una casa editrice romana, per poi avvicinarsi alla sua più grande passione: la scrittura, intesa come mezzo di comunicazione a 360 gradi. Ha iniziato scrivendo di cinema e cultura per diverse testate sia online che cartacee (fra queste, “Il quotidiano della Sera” e il settimanale “Il Punto”). Dopo il primo viaggio a Bruxelles, nel 2014, ha scoperto un forte interesse per l’Unione europea, iniziando così ad approfondire le tematiche relative all’Ue. La spiccata curiosità per l’universo della “comunicazione 2.0” l’ha portata a mettersi alla prova anche come blogger. Di recente la scrittura ha incontrato un’altra sua grande passione: l’enogastronomia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui