#EuFactor, l’Ue si rivolge ai giovani: appassionatevi alla scienza

0
175

Parlamento e Commissione europea presentano ai ragazzi alcune eccellenze italiane in campo scientifico. Fra queste, Chiara Petrioli, coordinatrice del progetto “Sunrise”

22 milioni: questo il numero di disoccupati in Europa, che equivale a dire che, attualmente, il 19,7% dei ragazzi dell’Ue non ha un lavoro. Dati che destano, inevitabilmente, preoccupazione, ma che si trovano in contrasto con altri numeri: ovvero i due milioni di posti di lavoro che ad oggi risultano vacanti in Europa. Cifra che, secondo le stime, arriverà a 2,3 milioni nel 2025 se si considera il solo campo tecnologico. Ciò che emerge in modo piuttosto chiaro da questi numeri è dunque la mancanza di lavoratori specializzati in quelle che vengono definite competenze STEM  (Science, Technology, Engineering and Mathematics)

_8951737845
©Marco Merola

Ed è proprio dall’osservazione di questi dati che nasce il progetto #EuFactor. Promosso dalla Commissione e dal Parlamento europeo, esso si propone di sensibilizzare i giovani allo studio della scienza, della tecnologia e dell’informatica, auspicando che possa nascere in Europa un rinnovato interesse per queste discipline e si possano dunque formare nuovi talenti in grado di esportare il “genio europeo” in giro per il mondo.

È con questo obiettivo che Parlamento e Commissione hanno promosso una serie di eventi rivolti ai giovani fra i 16 e i 19 anni, fascia d’età nella quale solitamente si sceglie quale percorso di studi intraprendere.

vlcsnap-00020
©Marco Merola

L’ultimo evento è stato organizzato in collaborazione con l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” dove i ragazzi hanno avuto la possibilità di ascoltare i racconti di alcuni esempi di eccellenze italiane, donne e uomini che sono stati conquistati dalla scienza. Fra i testimonial di #EuFactor anche Chiara Petrioli, docente della Sapienza e coordinatrice di “Sunrise”, finanziato nell’ambito del VII Programma Quadro Ue che esplora le opportunità offerte dall’“Internet of Underwater Things”.

vlcsnap-00015
©Marco Merola

“Sunrise” è un progetto internazionale che vanta come capofila italiano proprio la prestigiosa Università romana e  grazie al quale sarà possibile portare Internet sott’acqua. Attraverso l’utilizzo di robot, droni, sensori e veicoli autonomi di ultima generazione si potranno infatti svolgere azioni impossibili o troppo rischiose per gli uomini. Diversi i campi di applicazione di questo sistema: dallo sminamento al monitoraggio ambientale, dalla salvaguardia dei siti archeologici fino alla localizzazione di oggetti o persone disperse.

La sfida, più che mai ambiziosa, è quella di portare il concetto di “Internet delle cose” (basata sull’interconnessione di molteplici dispositivi grazie, per esempio, al wi-fi) all’ambiente marino, che costituisce un universo ancora in gran parte sconosciuto all’uomo.

Valentina Ferraro

Foto ©European Union 2016 – Marco Merola

Articolo precedenteAll’Università di Dublino dibattito sul cambiamento climatico
Articolo successivoIl Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano
Valentina Ferraro
Laureata in letteratura contemporanea, ha lavorato per diversi anni come editor per una casa editrice romana, per poi avvicinarsi alla sua più grande passione: la scrittura, intesa come mezzo di comunicazione a 360 gradi. Ha iniziato scrivendo di cinema e cultura per diverse testate sia online che cartacee (fra queste, “Il quotidiano della Sera” e il settimanale “Il Punto”). Dopo il primo viaggio a Bruxelles, nel 2014, ha scoperto un forte interesse per l’Unione europea, iniziando così ad approfondire le tematiche relative all’Ue. La spiccata curiosità per l’universo della “comunicazione 2.0” l’ha portata a mettersi alla prova anche come blogger. Di recente la scrittura ha incontrato un’altra sua grande passione: l’enogastronomia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui