Gand, nel cuore delle Fiandre orientali

Un mix tra un’apertura cosmopolita e una tranquilla atmosfera di un centro di provincia. E poi i tanti paesini nei dintorni, come Lovanio e Mechelen

Gand, patrimonio dell’Umanità dell’Unesco e capoluogo delle Fiandre orientali, è una delle città più affascinanti del Belgio. Il centro sorge alla confluenza tra due fiumi, il Leie e la Schelda, e attraverso due canali è collegato al Mare del Nord, distante all’incirca 65 chilometri. La lingua ufficiale è il fiammingo, come si potrà notare dalle insegne e dai cartelli in tutta la città, ma quasi tutti gli abitanti parlano correntemente francese e inglese.

Tra le cose da non perdere assolutamente è il Tour della città in barca, che permette di conoscere e di godere delle bellezza di Gand da una prospettiva diversa e suggestiva. È possibile rivivere la storia grazia al Castello dei Conti di Fiandra, fatto costruire da Filippo di Alsazia a partire dal 1180 e completamente restaurato nel XIX e XX secolo nello stile dei forti crociati in Siria; per tutto il Medioevo ha rappresentato il “centro di potere” della città, malvisto e temuto dalla popolazione.

Bellissime opere d’arte sono invece custodite all’interno della Cattedrale tardo gotica di San Bavone, la Sint-Baafskathedraal, tra cui il capolavoro della pittura fiamminga il Polittico dell’agnello mistico e La conversione di San Bavone di Rubens. Imponente la bellissima Chiesa di San Nicola, costruita tra il XIII e il XVI secolo, testimonianza del particolare stile gotico fiammingo.

Gand è conosciuta anche per i suoi mercati caratteristici, il più famoso dei quali è il Vrydagmerkt, il mercato del venerdì. Proprio qui, nel gennaio del 1340, Edoardo III fu proclamato Re di Francia dalla popolazione di Gand, anche se non lo divenne mai effettivamente.

Ogni anno a luglio la città è animata da ben 10 giorni di festa, con musica dal vivo e altri eventi. Gand è anche un ottimo punto di partenza per visitare i numerosi paesini che si incontrano lungo il fiume Leie come Lovanio, da cui proviene la famosa birra Stella Artois, e Mechelen, con il suo museo del giocattolo.

Il clima è temperato con inverni freddi ma non rigidi ed estati fresche e gradevoli. Il periodo migliore per visitare la città è la primavera, grazie alle giornate più lunghe e al clima particolarmente adatto a lunghe e piacevoli passeggiate tra chiese e castelli.

La bicicletta è ottima per girare la città ed è il modo migliore per visitare anche quei luoghi meno battuti dal turismo tradizionale, facendo però attenzione ai binari del tram.

 

Francesca Sirignani

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui