Il Consiglio d’Europa monitora la situazione carceraria con l’indagine Space

0
248

La percentuale delle donne in libertà vigilata è maggiore rispetto a quelle in detenzione

Ogni anno l’Università di Losanna, per conto del Consiglio d’Europa, conduce l’indagine Space, offrendo una panoramica dell’uso delle sanzioni e delle misure di custodia (Space I) e comunitarie (Space II) negli Stati membri. I Paesi europei ricorrono sempre più a sanzioni e misure che trattengono i trasgressori nella comunità senza privazione della libertà, secondo l’indagine annuale Space II del 2019 che contiene dati delle agenzie di libertà vigilata degli Stati, ad eccezione di Albania, Germania, Ungheria, Liechtenstein, Repubblica di Moldavia e San Marino. Il 31 gennaio 2019 c’erano circa 2 milioni di persone in Europa soggette a queste alternative alla prigione come il monitoraggio elettronico, il servizio alla comunità, gli arresti domiciliari, la semi-libertà o il rilascio condizionale. Dal 2018 al 2019, la popolazione in libertà vigilata è cresciuta del 7,9%, da 1.547.572 a 1.699.676 persone nelle 28 agenzie di probation che hanno fornito questi dati per entrambi gli anni, mentre il loro tasso complessivo di popolazione in libertà vigilata è passato da 137,8 a 139,6 per 100.000 abitanti.

Secondo l’indagine Space II, nella medesima data, c’erano in Europa 155 persone in libertà vigilata per 100.000 abitanti rispetto ai 105 detenuti nelle carceri per 100.000 abitanti. L’alto tasso complessivo di persone in libertà vigilata mostra che le misure e le sanzioni comunitarie sono sempre più utilizzate in tutto il continente: in 32 dei 40 Paesi (o entità amministrative), il tasso di popolazione in libertà vigilata era superiore al tasso di popolazione carceraria. Venti amministrazioni su 43 hanno riferito di aver rilasciato detenuti per impedire la diffusione di Covid-19, applicando varie misure come amnistie, liberazioni anticipate e provvisorie e altre alternative alla privazione della libertà. In media, queste, hanno rilasciato il 5% della loro popolazione (oltre 118.000 detenuti).

Nel corso del tempo, il Consiglio d’Europa ha invitato i suoi Stati membri a usare la reclusione come ultima risorsa e ad applicare le alternative alla perdita della libertà il più spesso possibile. L’obiettivo è favorire l’integrazione dei criminali nella società e quindi ridurre la recidiva, prevenire il sovraffollamento, migliorare il funzionamento delle carceri e promuovere un trattamento umano ed efficiente dei detenuti. Tuttavia, sembra esserci il rischio che il loro uso prolungato possa portare a “sovraffollamento di prova” in futuro. «Vi sono segni che alcune agenzie di libertà vigilata sembrano utilizzare sanzioni e misure comunitarie come sanzioni supplementari e non come misure che sostituiscono la reclusione. Di conseguenza, un numero crescente di persone viene posto sotto la supervisione del sistema penale, in carcere o in libertà vigilata», ha affermato il capo del team Space, il professor Marcelo Aebi, della School of Criminal Sciences dell’Università di Losanna, Svizzera.

Quattro amministrazioni penitenziarie che hanno riferito di sovraffollamento il 1° gennaio 2020 avevano ridotto in modo significativo la densità carceraria entro il 15 aprile (Cipro, Italia, Francia e Slovenia), mentre la Svezia, l’unico Paese a non applicare un blocco della sua popolazione, si è unito al gruppo di Stati con prigioni sovraffollate. Dieci amministrazioni, con una densità carceraria di oltre 100 detenuti per 100 posti al 1° gennaio, hanno continuato a essere sovraffollate il 15 aprile: Turchia, Romania, Grecia, Ungheria, Cipro, Italia, Francia, Serbia, Repubblica Ceca e Austria; sebbene la Turchia abbia ridotto drasticamente la popolazione carceraria a maggio. Nel 2019, gli stranieri rappresentavano l’8% degli inquilini, una percentuale inferiore rispetto ai detenuti (14%). In media, il 10% delle persone in libertà vigilata erano donne rispetto al 6% della popolazione carceraria. In ogni Paese, ad eccezione della Serbia e della Grecia, la percentuale di donne era più alta in libertà vigilata che in carcere, probabilmente perché è utilizzata per reati meno gravi e le donne sono raramente coinvolte in reati violenti che di solito portano a una pena detentiva.

Aggiungendo il numero totale di probationer (1.969.204) al numero totale di detenuti (1.530.442), il 31 gennaio 2019, 3,5 milioni di persone sono state incarcerate o sotto la supervisione di agenzie di probation in Europa, essendo questa una bassa stima della “popolazione correttiva europea” poiché si riferisce solo a quei Paesi che hanno fornito dati. Gli Stati con i più alti tassi di popolazione correttiva – al di sopra della media europea di 267 detenuti e probationer per 100.000 abitanti – erano Turchia (920), Polonia (836), Lituania (755) e Russia (737). Quelli con le cifre più basse sono stati Finlandia (103), Norvegia (106), Islanda (113) e Svizzera (131).

 

Ginevra Larosa

Foto © Unil, Citizens Channel, The Local, AsiaNews

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui