Da Pacifico, la rinomata qualità della cucina italiana cede il suo posto a quella peruviana

Lo chef Jaime Pesaque porta l’alta ristorazione sudamericana nel Belpaese conquistandolo con le sue creazioni culinarie

Dal 2015, i ristoranti Pacifico rappresentano lo stato dell’arte della cucina peruviana-Nikkei in Italia: ricerca e sperimentazione in cucina grazie al Corporate Chef Jaime Pesaque, locali suggestivi, design iconico e atmosfera vibrante hanno fatto di “Pacifico” un brand di riferimento per la ristorazione, la mixology e l’intrattenimento. Jaime Pesaque, chef peruviano conosciuto fra i migliori del mondo, propone in Italia, tra Roma, Milano e Porto Cervo, una cucina peruviana-asiatica. Il Perù ha, infatti, avuto influenze asiatiche per oltre 500 anni. Queste influenze lo rendono un Paese con grandi ricchezze gastronomiche e varietà di ingredienti, anche grazie alla costa, alle montagne, alla giungla e agli innumerevoli microclima compresi nel suo territorio. “Pacifico” è un’espressione coerente di tutto questo, una piccola ambasciata della cultura e dei sapori peruviani con influenze asiatiche. Per lo chef Jaime Pesaque “cucina è evoluzione” è la chiave del suo successo e della sua reputazione come uno dei migliori chef peruviani al mondo. Chiama il suo lavoro “cucina evolutiva”, cambiando sempre seguendo le stagioni, nuove tecniche e l’ispirazione. In qualità di chef esecutivo e proprietario del ristorante Mayta di Lima, Pesaque combina tecniche culinarie contemporanee con materia prima fresca e spezie ricercate, trasformando piatti semplici in sofisticate creazioni culinarie. La sua formazione è iniziata nella prestigiosa scuola di arti culinarie Cordon Bleu di Lima ed è proseguita in molteplici ristoranti stellati in Spagna e Italia. Oggi è head chef di Suviche (Miami), Nuna (Punta del Este), Piscoteket (Oslo). “Pacifico” – il primo ristorante peruviano gastronomico in Italia – è la sua ultima creazione. I piatti dello chef Jaime Pesaque parlano peruviano, nonostante si rivolgano a una clientela italiana ma anche internazionale e lo fa usando il linguaggio rassicurante dei sapori tipici del suo Paese. La sua cucina parla di eccellenza, di ricerca e di immediatezza: un’esperienza enogastronomica autentica e vera che diventa parte attiva di un viaggio sensoriale all’insegna del gusto. La decorazione dei suoi piatti, inoltre, è un aspetto essenziale della sua cucina ed è forse quello che maggiormente aiuta a cogliere il suo stile. Le decorazioni tendono a mettere in risalto il piatto senza sopraffarlo, si ispira a ingredienti contenuti al suo interno e presentati in forma differente. Le possibilità di decorazioni sono molteplici e variano in base al tipo di ricetta, agli ingredienti che la compongono e al piatto che utilizza. A Roma, in particolare, il ristorante “Pacifico” si presenta un ambiente unico ed esclusivo, immerso tra ulivi e alberi di limone, al cui centro trova posto una piscina, a bordo della quale si può gustare un suggestivo aperitivo o per cenare all’aperto con un meraviglioso sfondo musicale. Nato nel 2017 nella spettacolare cornice dell’Hotel Palazzo Dama, a due passi da Piazza del Popolo, Pacifico si è da subito imposto nel panorama gastronomico della Capitale ed è diventato uno dei luoghi d’incontro preferiti dalla scena culturale romana. Trova inoltre spazio il “Pisco Bar”, aperto fino a tarda sera. Tra sfere luminose che scaldano l’ambiente e i suoi eleganti arredi, l’atmosfera diventa sempre più accogliente grazie anche all’impegno, alla passione, alla gentilezza e, soprattutto e al sorriso del personale pronto a dare le dovute attenzioni ai clienti. Pacifico è, veramente, un luogo ideale per lunghe e piacevoli serate tra amici o intime cene romantiche sotto il meraviglioso cielo stellato della città eterna.

Francesca Sirignani

Foto @ Francesca Sirignani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui