Ilenia Maria Calafiore

Ilenia Maria Calafiore

Nata nel 1989, è laureata in Comunicazione Internazionale presso l’Università di Palermo con una tesi in filosofia politica dal titolo “Teorie e pratiche per la Giustizia Globale“. Nel suo percorso universitario ha approfondito le tematiche storiche ma anche linguistiche relative alla Russia e ai popoli slavi. Ha partecipato ad alcuni progetti internazionali come il Model United Nation a New York ed il Finance Literature of Youth a Togliatti, Russia. A fine 2014 si laurea con il massimo dei voti in Studi Internazionali presso l'Università di Pisa con la tesi “Spunti per uno studio delle politiche della Federazione Russa nel bacino del Mar Nero”.

Brexit o non Brexit? Londra tratta con l’Ue per ottenere maggiori libertà

I britannici spingono Bruxelles a fare concessioni su temi importanti, ma il referendum incombe. Cameron: «Regno Unito più forte dentro una Europa Unita»

Gli inglesi non sono mai stati degli euro-entusiasti. Le numerose riserve ai vari trattati, una su tutte l’Euro, lo dimostrano. Con il complicarsi della situazione nel Vecchio Continente, gli Stati hanno dimostrato di preferire curare i propri interessi che tentare di concertare una soluzione. Così, a fronte dei sempre più pressanti problemi economici e dell’immigrazione, […]

di 4 Febbraio 2016 Leggi tutto

Il nuovo ruolo degli Usa in Europa: disimpegno o nuova alleanza?

Il report dell’EUCOM espone le nuove priorità di Washington per l’alleato d’oltre oceano. La minaccia principale arriva da est ma il Vecchio Continente ha i suoi demoni da affrontare

Partiamo dal principio. Cos’è l’EUCOM? Acronimo di United States European Command, è un corpo militare statunitense con quartier generale a Stoccarda. Creato negli anni ’50 come precauzione per le sfide della guerra fredda, a partire dagli anni ’80 il numero dei soldati è calato sensibilmente fino al minimo storico registrato dopo gli attacchi dell’11 settembre […]

di 30 Gennaio 2016 Leggi tutto

Piovono critiche su Israele: Netanyahu sempre più isolato nello scenario internazionale

La politica di espansionismo israeliana spinge sia l’Unione europea che gli Stati Uniti a prendere le distanze da Tel Aviv

Indignazione: i funzionari israeliani non hanno digerito la risoluzione approvata dall’Unione europea, il cui contenuto prevede che gli accordi di riconoscimento con Israele siano applicabili soltanto per i territori occupati da Tel Aviv fino al 1967. Le critiche arrivano dopo l’implementazione delle politiche di insediamento in Cisgiordania, a Gerusalemme est e nel Golan siriano; Bruxelles […]

di 21 Gennaio 2016 Leggi tutto

L’Ungheria nel mirino della Corte europea dei Diritti Umani

Budapest è solo il più recente caso di una legislazione antiterrorismo accusata in tutto il mondo di essere eccessivamente invasiva o repressiva

Ennesima bocciatura da parte di Strasburgo per l’Ungheria. La Corte europea dei Diritti Umani ha rigettato la normativa anti-terrorismo varata nel 2011 in materia di sorveglianza segreta in quanto viola il diritto alla privacy dei cittadini. La norma infatti sembra non contenere «garanzie sufficientemente precise, efficaci e complete» sulle misure previste e non rende noto il […]

di 14 Gennaio 2016 Leggi tutto

Ancora tensione in Medio-Oriente: Teheran e Ryad sospendono i rapporti diplomatici. Trattative Siria più difficili

La protesta si è scatenata a causa dell’uccisione da parte del governo saudita del leader sciita Nimr Al-Nimr

Un nuovo conflitto è scoppiato nei giorni scorsi ai confini dell’Europa e ancora una volta, il teatro è il Medio Oriente. L’Arabia Saudita, nella sua caccia ai terroristi, ha condannato a morte 47 persone tra cui un esponente religioso sciita, Nimr Al-Nimr con le accuse di sedizione e di possesso di armi. Al- Nimr era […]

di 5 Gennaio 2016 Leggi tutto

Europa e protezione dei dati: al via la nuova normativa comunitaria

Creazione di un mercato unico digitale e salvaguardia della privacy dei cittadini alla base, ma le aziende del settore avvertono: perderemo competitività e risorse

Il Parlamento europeo approva le nuove regole a tutela della privacy frutto di quattro anni di accordi e compromessi del mondo politico comunitario. L’obiettivo di tale regolamento è quello di renderlo unitario all’interno dei 28 Stati Ue, di rinforzare la tutela dei dati personali e stimolare la creazione di un mercato unico digitale europeo. La […]

di 18 Dicembre 2015 Leggi tutto

L’oscura politica estera di Erdogan: quale sarà la prossima mossa?

L’Iraq chiede l’intervento dell’Onu contro la Turchia. La Russia lancia nuove accuse: Ankara agisce senza la necessaria legalità internazionale. E anche gli Usa…

Vitalij Churkin, ambasciatore della Russia alle Nazioni Unite ha affermato giovedì al Consiglio di Sicurezza che la Turchia sta agendo nello scacchiere internazionale in modo «sprezzante e inspiegabile». Il 3 dicembre infatti Ankara unilateralmente ha deciso di schierare alcune delle proprie truppe in Iraq nell’area di Mosul, a sud del confine fra l’Iraq e la […]

di 9 Dicembre 2015 Leggi tutto

Pechino investe in Europa: alta velocità e infrastrutture made in China

Al vertice di Suzhou decisi progetti finanziati nel cuore dell’Europa centrale. La strategia proietta l’industria, a beneficiarne i Paesi della “Cooperazione 16+1”

Il progetto a lungo a termine è ambizioso: essere il partner privilegiato dell’Europa Centrale e Orientale e istituire una banca multilaterale fra Cee (Central and East Europe) e Cina, il cui fondo naturalmente sarebbe in yuan. Per arrivare a questo obiettivo, la Cina inizia a muoversi nell’area Cee attraverso accordi soprattutto in ambito energetico e […]

di 2 Dicembre 2015 Leggi tutto

L’immigrazione e l’Europa: oltre i cliché

Nel dopo Parigi si torna a parlare di immigrazione, tra chiusura delle frontiere e scontri religiosi. Ma sono davvero gli immigrati quelli di cui dobbiamo avere paura?

  (Post concesso in esclusiva da Eurocomunicazione alla Rappresentanza in Italia della Commissione europea, vedi link)   I recenti attacchi terroristici di Parigi hanno riportato in prima pagina la questione dell’immigrazione. Dopo il primo momento di shock, seguito dall’incredulità per le scene di violenza viste e il dolore per le vittime innocenti, nei salotti politici televisivi di tutta Europa […]

di 26 Novembre 2015 Leggi tutto

Lo stato islamico: chi finanzia il terrorismo dell’Isis?

Petrolio, reperti archeologici e banche islamiche. Ecco chi finanzia il Califfato, partendo dalle recenti dichiarazioni di Putin al G20

«Come da noi accertato, i fondi provengono da 40 Paesi, in particolare da alcuni membri del G20». Le parole di Putin, pronunciate durante il recente incontro dei 20 Grandi di Antalya, in Turchia, sembrano aver scioccato il mondo. Eppure, segnalazioni di questo tipo circolavano già da almeno un anno. Al momento la Federazione Russa sembra […]

di 20 Novembre 2015 Leggi tutto