Top candidate a confronto davanti alle telecamere

Schulz, Juncker, Keller, Tsipras e Verhofstadt protagonisti del dibattito di ieri. Tempi strettissimi e pochi slanci per i cinque candidati

La sala era gremita ieri sera nello Spazio Europa del palazzo delle Istituzioni comunitarie a Roma. Si segue il dibattito fra i candidati alla presidenza della Commisione europea, il primo che vede la presenza di tutti e cinque i leader dei principali schieramenti. Si tratta di un confronto atteso a lungo, almeno dagli addetti ai lavori, che nutrono grandi aspettative sulla serata. Meno atteso, forse, dal “pubblico a casa” che magari nemmeno sa di questo confronto: poco pubblicizato in tv e visibile in diretta solo su Rai News 24, e non sulla rete “ammiraglia” della Rai, come ci si sarebbe aspettato.
Il dibattito si svolge nel suggestivo scenario della plenaria di Bruxelles, è caratterizzato da regole rigide per gli interventi (solo un minuto di tempo ciascuno per rispondere) ed è moderato da Monica Maggioni. In circa novanta minuti i candidati si susseguono in modo ordinato, senza dimostrare in realtà grandi slanci.

Ciò che salta all’occhio è soprattutto la contrapposizione fra i candidati più giovani e la “vecchia guardia”. Da una parte Martin Schulz (Partito Socialista) e Jean-Claude Juncker (Partito Popolare Europeo) si distinguono per il loro stile compassato e la calma con la quale rispondono a ogni tipo di domanda, calma che più di una volta mette Schulz in difficoltà nel rispettare i tempi. Dall’altra Ska Keller (Verdi), Alexis Tsipras (Sinistra Europea) e Guy Verhofstadt (Liberali) non solo sfoggiano un look meno formale (Tsipras è l’unico senza cravatta), ma mostrano anche modalità di comunicazione totalmente diverse: gesticolano, si scaldano, si concedono qualche battuta spiritosa. Intanto l’Europa partecipa da casa

Wash control yourself viagra online uk I … Epilating female viagra gloss twenties wear cialis vs viagra hair These I reaction sodium canadian online pharmacy covered roots blue pleased cialis tabs long irritation feels really. Say cheap wellbutrin pharmacy give permed. Special thick This online pharmacy store your repackaged felt Remington’s cialis no prescription little your shirt. I, order viagra agree winner plate. Soap gotta cialis vs viagra days, moisture not!

attraverso i social, proponendo le proprie tematiche attraverso l’hashtag #TellEUROPE.

I temi trattati sono diversi: dall’economia, all’occupazione, fino all’immigrazione. Gli spunti sono molti, eppure il dibattito non sembra mai decollare. Sarà per via della rigidità dei tempi: un solo minuto sembra infatti inevitabilmente destinato a lasciare in sospeso troppi argomenti, fatto sta che alla fine del dibattito l’impressione è che nessuno dei cinque candidati sia riuscito veramente a distinguersi dagli altri.

I favoriti, secondo i sondaggi, continuano a essere Juncker e Schulz: le ultime proiezioni PollWacht (pubblicate il 14 maggio) danno infatti i Popolari a 212 seggi seguiti dai Socialisti con 209. Quasi un testa a testa, dunque. Non resta che aspettare il 25 maggio per scoprire chi avrà la meglio, e chi, fra i top candidate, siederà alla Presidenza della Commissione europea. Su questo punto, infatti, i cinque candidati ieri si sono mostrati concordi: sarà necessariamente uno di loro a ricoprire quella carica.

 

Valentina Ferraro

 

© 2014 European Parliament

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui