Giornata Umanitaria Mondiale 2013

Dichiarazione del Commissario per la Cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi

Domani si celebra la giornata umanitaria mondiale 2013. Le notizie provenienti dall’Egitto, dalla Siria e dai tanti, troppi, luoghi di guerra dimenticati rendono ancora più amara questa ricorrenza.

L’Europa, forse una volta tanto capace di prendere un’iniziativa comune e fare pressioni affinché la diplomazia prenda il sopravvento, ha diffuso una dichiarazione tramite la Commissaria europea per la cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi, Kristalina Georgieva.

«Vi chiedo di unirvi a me nel rendere omaggio al coraggio di questi uomini e di queste donne che prestano un’assistenza indispensabile alle vittime di catastrofi naturali e di conflitti in tutto il mondo. Grazie all’impegno quotidiano degli operatori umanitari, milioni di persone possono sopravvivere in condizioni di disagio inimmaginabili e avere la possibilità di sperare in un futuro migliore rispetto al passato.

L’Unione europea nel suo insieme è il principale donatore mondiale di aiuti. Il denaro da solo, però, non basta per distribuire cibo agli affamati, curare i feriti e dare un tetto ai rifugiati: tutto questo è possibile grazie agli operatori umanitari e sono fiera del contributo che diamo per rendere possibile il loro lavoro.

Medici, infermieri, psicologi, ingegneri, addetti alla logistica e ai programmi, responsabili delle informazioni, consulenti in materia di sicurezza e tutti gli altri operatori in campo umanitario aiutano le vittime delle crisi in contesti difficilissimi. Ma spesso sono anche loro delle vittime: i dati preliminari registrati solo quest’anno rivelano che ogni giorno almeno un operatore viene ucciso, ferito o rapito. I rischi sono oggi particolarmente elevati in Afghanistan e Siria, ma il diritto umanitario internazionale viene violato spesso e in modo eclatante in molte altre situazioni di crisi.

Si tratta di episodi che colpiscono non soltanto gli operatori umanitari ma anche le persone che essi vogliono soccorrere. Impedendo a questi operatori di arrivare fino a coloro che hanno bisogno di aiuto si rischia di lasciare migliaia di persone prive di alloggio, cibo, acqua potabile e assistenza sanitaria. Quando le organizzazioni umanitarie sono costrette a lasciare una zona colpita da una catastrofe a causa di gravi problemi di sicurezza, sono le comunità abbandonate a se stesse a pagarne il prezzo.

La capacità della solidarietà europea di portare soccorso alle vittime di crisi e di calamità naturali risente anche delle violenze perpetrate nei confronti degli operatori umanitari. Solo l’anno scorso la Commissione europea ha fornito aiuti di emergenza a oltre 120 milioni di persone in oltre 90 Paesi grazie alla nostra vasta rete di esperti presenti sul campo, che si trovano spesso a lavorare in condizioni pericolose: negli ultimi anni, squadre di esperti umanitari dell’UE sono state temporaneamente evacuate da Bangui (Repubblica centrafricana), Abidjan (Costa d’Avorio), Goma (Repubblica democratica del Congo), Kabul (Afghanistan) e Damasco (Siria). Questo ostacola ulteriormente l’assistenza alle persone bloccate dalle ostilità.

È per questo motivo che, a nome delle vittime e per poter fornire assistenza in modo efficace e in sintonia con la solidarietà dei nostri cittadini, mi appello alle parti in conflitto, ai governi e alle organizzazioni non governative per invitarli a proteggere gli operatori umanitari e a consentire loro di svolgere la loro indispensabile missione: si tratta di una questione di vita o di morte. Il mondo ha bisogno di più rispetto e di più tutela per gli operatori umanitari».

 

Foto © European Community, 2013

Articolo precedenteSegreto bancario, fine dei giochi
Articolo successivoL’Europa da copiare
Giovanni De Negri
Giornalista professionista ed esperto di comunicazione ha iniziato come conduttore in alcune emittenti televisive locali per poi passare a ogni altro genere di media: quotidiani, periodici, radio, web. Ha alternato l’intensa attività giornalistica con quella di amministratore di società e di docente, a contratto titolare di insegnamento o come cultore della materia, presso Università pubbliche e private, italiane e straniere, per l’Esercito e per la Scuola superiore dell’economia e delle finanze. Ha inoltre lavorato presso Uffici stampa della P.A. (Regione Lazio e Comune di Roma) e realizzato eventi/convegni presso la Camera dei Deputati, il Senato della Repubblica, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro (CNEL).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui